Parma, rispunta Valenza

Gaetano Valenza Lo scintillante Parma di questi tempi torna a risvegliare (ed era ora!) gli appetiti di imprenditori danarosi (si spera…) desiderosi di impossessarsi del giochino tornato a funzionare come ai bei tempi. Non è un mistero che l’imprenditore italo-svizzero Gaetano Valenza non abbia mai smesso di trattare sotto traccia la cessione della società alla Rialto Holding, questa misteriosa cordata che Valenza rappresenta. Da un anno, Valenza ha ormai messo le radici in città, e sembra che la sua lenta operazione di moral suasion abbia finalmente fatto breccia nelle barriere di Bondi e Angiolini, ormai disposti a cedergli il club a una cifra tuttavia minore di quella pattuita con Sanz. Lo stesso Sanz non sembra ancora fuori dai giochi: ci sono sempre quei sette milioni e mezzo di euro che lo spagnolo ha versato come acconto e che rappresentano una briscola non da poco nei confronti di chi volesse mettere un carico da undici sul piatto del Parma FC.
Nei giorni scorsi, poi, è arrivata la sorpresa: quando Valenza sembrava ormai in pole position per chiudere alla fine del mese, alla banca incaricata è arrivata un’ulteriore offerta ritenuta soddisfacente con annessa richiesta di accesso alla data room del club. Quest’offerta, secondo indiscrezioni, sarebbe stata avanzata da una cordata di imprenditori sponsorizzata niente meno che da Silvio Berlusconi, forse intenzionato a creare una società satellite del suo Milan, visti i buoni rapporti instauratisi dopo l’affare Gilardino. Il mistero si infittisce, ma la sensazione in città è che la soluzione del giallo sia questione di poche settimane, non di più.

Tutte voci che, per ora, non distraggono la squadra che si prepara ad affrontare con la massima serenità la gara di domani a Genova nell’anticipo pasquale. Beretta sa che la salvezza è a un passo e che i suoi ragazzi possono fronteggiare la Sampdoria con la forza dei nervi distesi e la consapevolezza di avere ben poco da perdere. Unica brutta notizia da Collecchio è quella che riguarda Marco Delvecchio: lo sfortunatissimo attaccante si lascia alle spalle questa tormentatissima stagione chiudendola con un’altra operazione di pulizia al ginocchio infortunato. Dopo i sette minuti di Udine si sperava potesse chiudere il campionato in bellezza con qualche presenza e un paio di gol, invece il suo addio a Parma è triste e malinconico.

  • shares
  • Mail