Masuaku-Milan, nessuna possibilità. Ecco perché...

FBL-EUR-C1-OLYMPIAKOS-MALMO

Ormai Mino Raiola è il padrone assoluto dei media che seguono il mercato più ancora che del mercato in sé. Basta una parola, una mossa, un’invettiva, una provocazione che allora le notizie, le conseguenze, gli scenari si sprecano. L’ultimo dei quali riguarda ancora il Milan, dopo aver strappato il sofferto sì di Mattia Destro, a cui sarebbe stato proposto il laterale mancino ex Valenciennes Arthur Masuaku. Il fluidificante francese, attualmente in forza ai greci dell’Olympiakos, che lo hanno pagato 5 milioni di euro soltanto sei mesi, si sta rivelando uno dei migliori in Europa nel suo ruolo dopo che in Ligue 1 si era anche già disimpegnato anche da difensore centrale marcando gente come Falcao e Gignac.

Ma quanto costa oggi Masuaku? Dai 12 ai 15 milioni di euro. Con valutazione destinata a salire nelle settimane. Non ci sono quindi le condizioni per il Milan, così come Raiola non è all’attualità il suo procuratore. Probabilmente la boutade del procuratore è dovuta agli stretti rapporti con la proprietà del club greco, e sta soltanto di fatto cercando di capire già in prospettiva eventuali canali per portalo via in estate e agire da intermediario dell’operazione, mestiere con cui di fatto si è fatto conoscere ancora giovanissimo quando contribuì attivamente addirittura nella doppia operazione che portò Bergkamp e Jonk all’Inter sotto la presidenza Pellegrini.

Oltretutto, Masuaku è arrivato a guadagnare 1,8 milioni di euro con un fatto senza precedenti in Grecia: due rinnovi di contratto nello stretto giro di tre mesi. Per blindarlo, per premiarlo, ma soprattutto per far impennare le possibili richieste del club. Galliani quindi non ha chance. E proverà ancora a forzare la mano per Antonelli del Genoa, ex capitano della primavera rossonera e figlio d’arte, nettamente preferito e preferibile a De Ceglie.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail