Manenti vuole riprendersi il Parma: parla il suo legale

Caos Parma Giampietro Manenti - Guardia di Finanza



Giampietro Manenti

vuole riprendersi il Parma e sta lavorando per farlo il più presto possibile. Lo conferma il suo avvocato: dopo il fallimento e la nomina dei due curatori da parte del tribunale del capoluogo emiliano, l’ex presidente non si è affatto rassegnato a perdere la società. La squadra di Roberto Donadoni, che ha subito nei giorni scorsi l’ennesima penalizzazione, sta cercando di onorare il campionato e un’intera città sta cercando di dimenticare le brutte vicende che hanno coinvolto il club e il nome della città Parma.

Manenti, poche settimane dopo aver acquistato la società, è stato arrestato e ora si trova in regime di arresti domiciliari, ma vuole ancora riprendersi il Parma: non che qualcuno in città lo stia rimpiangendo, anzi. In una delle uscite pubbliche, Manenti ha rischiato addirittura di essere linciato per strada per aver fatto promesse mai mantenute. Nel capoluogo emiliano stanno ancora aspettando i bonifici promessi dall’ex patron prima del fallimento, mentre il diretto interessato, pur consapevole che la società dovrebbe ripartire dai dilettanti, è pronto a farsi nuovamente avanti.

"Le intenzioni di Manenti sono precise, - afferma il suo legale, l'avvocato Antonio Palmieri - sta lottando per acquistare il Parma Fc. Le strategie per acquistare il Parma non sono state ancora decise, ma lui non intende mollare, soprattutto per una questione sua personale".

Se qualcuno pensava che la parentesi Manenti fosse già stata archiviata, dunque, deve ricredersi: il presidente “flash” non sarà fermato nemmeno dagli arresti domiciliari perché vuole affermarsi nel calcio e rilanciare il Parma. La società non è stata per lui un ‘lavanderia’, ribadisce l’avvocato Palmieri:

"Non posso parlare della vicenda che lo ha visto coinvolto, c'è un'indagine in corso, ma non si può attribuire tutta la colpa a Manenti di questa situazione. Il Parma - conclude - non è stata però una 'lavanderia' e per lui si parla di tentato reato e non consumato, tanto che è ritornato a casa".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail