Serie A: il brand della Juve numero uno in Italia

Juventus v Malmo FF - UEFA Champions League

Serie A: solo la Juve regge nella classifica dei top brand mondiali, il Milan in forte calo. Il calcio italiano molto lontano dalle big europee per valore del brand: la Juve è la ‘regina’ d’Italia, ma i bianconeri non riescono ad avvicinarsi alla top ten mondiale. È quanto emerge da un calcolo effettuato da ‘Yahoo-Eurosport’ con la collaborazione di Brand Finance. Non eccelle nemmeno il Milan, che dopo il periodo d’oro sembra essere entrato in un tunnel di negatività dal quale potrebbe uscire con l’imminente cambio di proprietà. Nei prossimi giorni, infatti, il magnate thailandese Mr Bee Taechaubol sarà in Italia per definire il primo step della scalata che entro un anno lo dovrebbe portare a possedere tra il 65 e il 70% delle quote azionarie del club milanese.

Un’operazione totale da 1,1 miliardi di euro, si dice in giro, di cui circa 200 milioni saranno investiti subito. Si tratta di una cifra sostanzialmente pari al valore attuale del brand Milan: è quanto risulta a ‘Brand finance’, la società di consulenza che si occupa della valorizzazione dei marchi e che, ogni anno, assegna determinati punteggi in base a diversi fattori, ai principali brand mondiali, tra cui anche quelli calcistici. Prendendo in considerazione la classifica 2014 - Brand Finance Football 50 - emerge subito un dato emblematico: nella top ten mondiale dei brand non c’è nessuna squadra di calcio italiana.

Il dato è la risultanza di un calcolo che tiene conto del marchio e delle “proprietà intellettuali ad esso riconducibili”: per farla breve, sul valore del brand influiscono i risultati sportivi, gli sponsor, l’appeal sul mercato, il successo sui media e la risposta del pubblico, televisivo e negli stadi. Su questi presupposti, dunque, è stato calcolato che la Juventus nel 2014 è cresciuta molto per via delle vittorie sul campo, delle sponsorizzazioni, diritti TV e nuovo stadio: il brand dei bianconeri è il primo marchio italiano nella top 50, piazzandosi al 13° posto con un valore pari a 230 milioni di euro. Il Milan è 14° con 220 milioni, in calo del 27% rispetto al 2013. Per il 2015, visti i risultati deludenti di questa stagione, è facile prevedere un ulteriore calo per i rossoneri.

Gli altri club italiani, sono tutti molto distanti dalla top ten attualmente guidata dal Bayern Monaco con 834 milioni di euro. Sul secondo gradino del podio il Real Madrid con 715 milioni e il Manchester United (688). Numeri che danno chiaramente l’idea dell’abisso attualmente esistente tra le top class mondiali e i più forti club italiani. Per rendere meglio l’idea, basti pensare alle posizioni occupate dagli altri club italiani nella top 50: l’Inter è 15° con 141 milioni di euro, il Napoli 21° (112), la Roma 26° (100) e la Lazio 44° (58).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail