Gussoni: "Nessun favoritismo, solo errori"

Il presidente dell'Aia, Cesare Gussoni, replica alle numerose critiche arrivate durante l'ultimo weekend calcistico nei confronti della classe arbitrale, difendendo i rappresentanti della propria categoria ed escludendo categoricamente che ci sia malafede nei loro comportamenti.

Il massimo rappresentante degli arbitri nella Federazione sostiene infatti che:

Un po' di errori da parte degli arbitri possono esserci stati, così come alcune scelte coraggiose da parte di Collina, ma non vedo perché debba esserci per forza la malafede. La sudditanza psicologica. Non esistono favoritismi, non mettiamola sul favoritismo perché vorrebbe dire recare offesa a della gente che sta conducendo il campionato come meglio può, e senza molta esperienza.



Dello stesso parere è anche il presentente del "sindacato" dei calciatori Sergio Campana che attribuisce i numerosi errori nelle direzioni di gara all'inesperienza e alle scarse capacità della nuova generazione di arbitri.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: