I lettori (juventini) contro il "nuovo" Tuttosport

I lettori di Tuttosport, il quotidiano sportivo di Torino, hanno avuto un'inspettata sorpresa quando lunedì, ancora avvelenati dalle moviole notturne che li informavano su Inter - Parma, si sono recati in edicola per comprare la loro copia del giornale o al bar per sfogliarlo.

Il nuovo Direttore Paolo De Paola, ex vice-direttore della Gazzetta dello Sport, ha adottato una "linea" editoriale decisamente differente rispetto a quella del predecessore Giancarlo Padovan. Solo un mese fa il titolone a nove colonne sarebbe stato sicuramente dedicato al risultato dell'Inter, l'odiata rivale dei tifosi juventini che in netta maggioranza comprano il quotidiano, inevitabilmente etichettato come "un furto", ma le cose sembrano essere cambiate.

Con una scelta in controtedenza anche rispetto agli altri quotidiani sportivi certamente non filo-juventini, Corriere dello Sport e Gazzetta, in prima pagina non c'era nessun cenno agli episodi arbitrali di Inter - Parma. Al suo posto uno dei soliti titoli roboanti sul Calciomercato che fanno parte della "tradizione" di Tuttosport: "L'Inter tratta Ronaldinho". Il fallo di mano di Couto? Le polemiche infuocate del dopo-partita? Il ritorno dello spettro della famigerata "sudditanza psicologica"? Niente, nemmeno un accenno.

L'unico riferimento alla partita è in secondo piano rispetto alla fantomatica trattativa per Ronaldinho e recita così: "La squadra di Mancini soffre ma nel finale rimonta e vince con Ibra contro il Parma ridotto in dieci".

Lungi da noi fomentare la faziosità di Tuttosport, ma ci domandiamo se una strategia del genere non finirà più per "allontanare" i lettori juventini che per far avvicinare quelli di altre squadre abituati da anni a guardare con sospetto il quotidiano "bianconero" per eccellenza. De Paola avrà fatto bene i suoi conti?

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: