Boumsong è un giocatore del Lione: Stendardo in arrivo alla Juve, ma per i bianconeri è sempre emergenza

Dopo il paradossale comportamento dei giorni scorsi la Juventus ha definitivamente ceduto Boumsong. I fatti sono noti: subito dopo la partita con l'Inter, il francese era volato a Lione per iniziare ad allenarsi con la sua nuova squadra. I bianconeri però lo avrebbero voluto indietro per inserirlo fra i convocati delle prossime due partite (Livorno e ritorno di Coppa) e hanno bloccato il trasferimento. A quel punto il Lione si è letteralmente infuriato per il ritardo e non ha voluto sentire ragioni. La telenovela si è chiusa nella serata di ieri quando attraverso una nota sul suo sito ufficiale la società francese ha annunciato l'acquisizione di Boumsong.

Per lui tre anni di contratto, alla Juventus 3 mln di euro, un affare per Secco considerando il rendimento del centrale ex Newcastle. Ora si pone però il problema del sostituto. L'obiettivo dichiarato è Gugliemo Stendardo e per lui si tratta di un affare praticamente concluso. Il giocatore ha rinnovato per 5 anni con la Lazio e partirà per Torino con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato, secondo Tuttosport, alla cifra astronomica di 12 mln di euro. Per avere un'idea si tratta della stessa somma che il Manchester City richiederà a giugno per il riscatto di Rolando Bianchi.

Anche qui ecco la scarsa lungimiranza dei dirigenti bianconeri: il transfer di Stendardo non arriverà certamente in tempo per il ritorno di Coppa Italia contro l'Inter ed in più il difensore napoletano ha 3 giornate di squalifica da scontare in campionato. In sostanza diventerà effettivamente disponibile quando Zebina sarà rientrato dall'infortunio e Chiellini si allenerà già con il gruppo. Escludendo l'ipotesi che la Juventus voglia veramente spendere a Giugno per Stendardo quanto ha speso quest'anno per Tiago, il suo colpo più importante, non sembra una mossa geniale o comunque particolarmente utile alla "causa".

Per martedì intanto è già in pre-allarme il giovane della centrale della primavera Ariaudo, quinto giocatore arruolabile in difesa insieme a Legrottaglie, Molinaro, Birindelli e Salihamidzic. Si prospetta una sua clamorosa "prima di fuoco" contro l'Inter e l'attacco Cruz-Ibra-Crespo-Suazo? Probabile. Non vorremmo essere nei suoi panni.

Come se non bastasse alla Juve dovrebbe mancare anche Buffon, fermo per un problema alla schiena che i medici temono possa degenerare fino a rendere necessaria un'operazione se non curato con attenzione. Quindi fra i pali spazio ad un Belardi già visto in difficoltà a San Siro e che giocherà anche stasera contro il Livorno.

Intanto Ranieri in conferenza stampa ha nuovamente confermato l'arrivo di Sissoko. Il Maliano atterrerà con un aereo privato a Torino per le visite mediche e la firma prima di tornare in Ghana dove sta disputando la Coppa d'Africa con la sua nazionale.

Le parole dell'allenatore della Juventus sono chiare: "vale sempre lo stesso discorso per i difensori; è andato via Almiron e per ogni giocatore che se ne va ne arriva uno nuovo". Un modo che far capire che se il bizzoso Tiago non accetterà il Tottenham e la Juventus non troverà un accordo soddisfacente con l'Atletico Madrid, la destinazione preferita dal portoghese, il trasferimento di Sissoko non ne risulterà influenzato e si chiuderà ugualmente.

A quel punto agli juventini non resterà che "tifare" per una rapida eliminazione del Mali dalla Coppa d'Africa, così da trovare "il rinforzo di Gennaio" qualche giorno prima della metà di Febbraio quando la competizione si concluderà effettivamente.

  • shares
  • +1
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: