Diakité fuori dalla lista Uefa - Lotito: "Gli abbiamo offerto il triplo"

E' ormai muro contro muro tra Claudio Lotito e Modibo Diakité. Il difensore francese si è messo in mostra durante la scorsa stagione mostrando dei miglioramenti sul campo, ma ora è in rotta di collisione con la società capitolina da molte settimane. Pare abbia rifiutato la proposta di un rinnovo contrattuale a 850 mila euro annui (Diakité, insieme al suo agente, avrebbero chiesto un milione di euro). Ieri la Lazio ha diramato la lista dei giocatori arruolabili per l'Europa League escludendo Diakité.

"La decisione della Lazio di non inserire Diakitè nella lista Uefa va rispettata, così come la società dovrà rispettare quelle del giocatore", ha affermato l'agente del calciatore, Ulisse Savini. L'arrivo di Michaël Ciani dal Bordeaux qualche giorno prima della chiusura del mercato estivo, a questo punto, potrebbe essere interpretato come una mossa per coprire il buco lasciato da Diakité. Il presidente Lotito è sbottato, oggi, alludendo ad accordi già presi dal francese con un altro club. Una situazione che ricorda a tratti quella di Goran Pandev (anche se il macedone fu messo fuori rosa) che si trasferì all'Inter dopo una dura battaglia legale e verbale. Le parole del presidente laziale:

"Per lui abbiamo avuto tante richieste, ma non volevamo indebolire la rosa e abbiamo preferito inserire i giocatori che consideravamo utili per il nostro progetto. Abbiamo sette attaccanti, ma ancora non facciamo la raccolta delle figurine Panini: Petkovic ha le idee chiare e io lo stimo molto. Non ci sono problemi di abbondanza perché abbiamo tre competizioni e lo scorso anno abbiamo fatto i conti con gli infortuni. Le sue richieste sono assurde. L'ho preso quando non faceva parte del panorama calcistico internazionale, l'ho portato in prima squadra, ha avuto due infortuni e gli siamo stati vicini. Ora gli proponiamo un rinnovo del contratto: l'offerta è tre volte superiore a quanto guadagna, ma la sua richiesta è assurda anche perché altri nello spogliatoio non guadagnano quei soldi... Evidentemente avrà altri interessi o avrà già stretto accordi. Se la Lazio troverà conferme di comportamenti non corretti, agirà nelle sedi opportune".

Foto | © TM News

  • shares
  • +1
  • Mail