Uefa Cup: emozioni infinite!


C'è una squadra che farà parlare diverse generazioni di inglesi e quei pochi che potranno dire "io c'ero" non eviteranno di raccontarlo ai nipotini. Di cosa sto parlando? Ma del Middlesbrough, una squadra che già aveva fatto parlare l'Europa per una rimonta incredibile nei quarti di finale di Coppa Uefa, contro il Basilea. Sconfitti 2-0 in Svizzera e sotto di un gol nel loro stadio, il Boro capovolse la situazione con 4 gol in un'ora: il sigillo finale arrivò allo scadere ad opera dell'italiano Maccarone. Un bagno di gioia incredibile per il Riverside.

Eppure i tifosi del Middlesborugh non immaginavano quanto dovesse ancora accadere. Sconfitti per 1-0 in terra rumena ad opera di un'ottima Steaua, l'allenatore inglese Steve McLaren non capisce un tubo quando dopo neanche 20 minuti vede la sua squadra sotto di due reti (prima Dica, poi Goian). Una mazzata incredibile per qualunque squadra, ma non per il Boro, squadra pazza in tutti i sensi. Succede infatti che entra Maccarone, ancora lui, al posto di Southgate, difensore. E subito l'ex empolese accorcia le distanze, proprio prima del famigerato the caldo. Nel secondo tempo la squadra di casa spinge, tanto, ma Fernandes, ottimo portiere dei rumeni, dice ripetutamente di no ai cannonieri inglesi (intanto era entrato anche Yakubu, quarta punta).

Ma Viduka riaccende le speranze e poi ancora Riggott al 73' fa vibrare il cuore dei presenti al Riverside che rimangono col fiato sospeso fino al 90' quando Maccarone con un preciso colpo di testa completa la rimonta e per la seconda volta regala una serata magica alla squadra che, ricordiamolo, negli ottavi di finale eliminò la Roma. Un gol pesantissimo dell'italiano che catapulta gli inglesi direttamente alla finale di Eindohven dove ad aspettarli ci sarà un altro italiano, Enzo Maresca.

Gli spagnoli del Siviglia hanno infatti vinto l'altra semifinale, con meno spettacolarità ma comunque regalando molte emozioni ai propri tifosi. Al Ramón Sánchez-Pizjuán, in Andalusia, si partiva dallo 0-0 in casa dello Schalke04: il risultato dei precedenti 90 minuti non cambia neanche in quelli in terra iberica e così si va ai tempi supplementari. Gli spagnoli, sorretti anche dal loro pubblico, ci credono di più ma per superare i tedeschi c'è bisogno di una grande giocata di Rafinha che supera tutti e da a Puerta la palla della vittoria: il giocatore, partito dalla panchina, non sbaglia e di sinistro batte Rost.

Dunque, come nella Champions League, anche la Coppa Uefa dice Spagna contro Inghilterra. La consolazione della finale di Eindohven, per noi italiani, è che comunque vada vincerà un nostro connazionale: Maccarone o Maresca!

  • shares
  • Mail