Storie di calcio, storie di... popò


Il calcio è uno sport su cui si potrebbe romanzare all'infinito, molto più che un gioco, spesso metafora di vita. Non ci si deve sorprendere, quindi, se a volte parlare di pallone significa svariare sui più incredibili argomenti come in questo caso dove il pallone e i "bisognini" vanno di pari passo, come successo a due squadre minori, il Barnsley FC e l'Amoeiro CF. Partiamo dagli inglesi, che di recente hanno battuto in FA Cup il Liverpool ad Anfield, con un 1-2 nei minuti finali.

Il successo della squadra del South Yorkshire, con eroi indiscussi identificati in capitan Howard (autore del gol nel finale) e nell'estremo difensore Steele (un tempo neanche tanto lontano terzo portiere e autore di miracoli autentici a Liverpool), era totalmente fuori da ogni più rosea aspettativa, tanto che la piccola squadra era reduce da due sonore scoppole in campionato. Ma alla vigilia della partita, l'allenatore Simon Davey, ha pensato bene di fare una passeggiata solitaria poco fuori l'hotel, per pensare circa le tattiche del match imminente. Quando ecco che un aquila gli è volata sulla testa e... paf, ha scaricato i suoi bisogni dritto sulla testa di Davey. "Dicono porti fortuna" ha asserito ai suoi ragazzi nel veloce rientro all'albergo, ed infatti è successo l'incredibile. Secondo voi l'avrebbe presa con filosofia il Mancio una spruzzatina sul suo ciuffo?

Diverso ciò che è accaduto in Spagna, in Galizia più precisamente. L'Amoeiro, che milita proprio nel campionato regionale galiziano, aveva bisogno di soldi e non sapeva come cavarne; così a Josè Angel Cid, presidente del club, è venuta un'idea strampalata ma di successo: hanno diviso il terreno di gioco del Penafita in 6000 parti, ognuna in vendita al costo di 10 euro. I tifosi su internet ne possono comprare quanti ne vogliono, diventando così possessori di una casella per l'intera stagione: pochi minuti prima delle partite, poi, avviene l'estrazione, come in una lotteria. Viene condotta sul prato una mucca di nome Rubia, in procinto di liberare l'intestino: lì dove scarica il servizietto, lì v'è la casella vincente. Quindici giorni fa ha vinto chi aveva comprato il pezzo di prato numero 4279, aggiudicandosi una Seat: una moto, un viaggio e un televisore ai possessori dei lembi di terra sporcate successivamente.

Speriamo solo che i giardinieri e gli inservienti poi puliscano per bene il campo...

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: