Colpo grosso del Villareal, Barça in caduta libera

betis

Un’altra opportunità gettata al vento, un’altra figuraccia, un’altra prova non all’altezza e questa volta il Barça si è autodistrutto con le sue stesse mani. Non c’era in gioco solo una partita di calcio, c’era in gioco la Liga, l’ultimo disperato tentativo di dimostrare che questa squadra era ancora viva ed aveva voglia di lottare. Invece i catalani non solo hanno perso l’occasione di mettere una grande pressione al Real Madrid in campo oggi col Siviglia, ma nel giro di 15’ sono riusciti a subire 3 goal e a mezzanotte si sono ritrovati addirittura al terzo posto della classifica superati da un grande Villareal.

I blaugrana partono benissimo, nel giro di 15’ segnano 2 reti col giovane campione Bojan e con Eto’o; danno l’impressione di avere la gara in mano, ma, come troppe volte è accaduto in questo anno e mezzo, queste buone sensazioni vengono spazzate via da 15’ minuti di pura follia. Il Betis realizza il 2-1 con Edu, si procura un rigore (parato da Valdes), realizza il 2-2 e passa addirittura sul 3-2. Il Barça è tramortito. Mister Rijkaard in panchina è pietrificato, ha lo sguardo di chi ormai non sa più cosa fare, si sente tradito da quel gruppo che è sempre pronto a difendere, ma che spesso, troppo spesso se ne è approfittato. E questo non è giusto.

Provo vergogna” dichiara il Mister blaugrana in conferenza stampa, “nell’intervallo ho detto ai miei giocatori che il Betis ci avrebbe attaccato alla morte, noi dovevamo fare lo stesso, ma non lo hanno fatto”. Già, troppe volte non lo hanno fatto. Il Betis condanna per il secondo anno consecutivo il Barcellona, ma questa volta non c’è il sapore della beffa, ma la vittoria e la grinta dimostrata dagli Andalusi sono solo da prendere come esempio per tutti.

Villareal, invece, esulta e si coccola i suoi campioni che sono riusciti nell’impresa di arrivare al secondo posto, ora a meno 3 punti dal Real Madrid. Possono impensierire i campioni in carica e con l’entusiasmo e la forza di volontà , perché no, possono permettersi di sognare e pensare in grande. Sognare non costa nulla, ma quando si vede giocare questa squadra si crede sul serio che possa fare grandi cose.
Ieri sera ha sconfitto per 3-0 l’Atletico Madrid grazie alle reti del campione Nihat (2) e Cazorla. Squadra ordinata e ben messa in campo quella di Pellegrini che sa come e quando trafiggere l’avversario. Il “conjunto amarillo” ha messo in scena la partita perfetta, ha pressato e lottato da grande squadra; non si è mai adagiata sugli allori, ma ha mantenuto alta la tensione fino al 90’.

Stasera di scena il Real Madrid nel delicato incontro col il Siviglia; vedremo se questa pazza Liga saprà regalarci nuove sorprese.

le foto degli anticipi di Liga

gli anticipi della liga

gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga
gli anticipi della liga

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: