Allegri - Inzaghi: solo uno scambio di opinioni

A seguito della clamorosa notizia del litigio tra l'allenatore rossonero Allegri e il neo ct degli allievi Inzaghi, Milan Channel fa da pacificatore della vicenda, offrendo ai due l'occasione di riconciliazione. Un'occasione presa al volo dagli allenatori e dalla dirigenza rossonera, che hanno negato tutto l'accaduto volendo mostrare ancora una volta il clima sereno che c'è in casa Milan, a dispetto delle voci di crisi.

Niente insulti o spintoni come si era detto quindi, ma solo un minuto di ragionevole confronto tra Allegri e Inzaghi. A sentire le dichiarazioni dei due protagonisti della vicenda, sembra davvero che si stia parlando di due avvenimenti differenti. Il tecnico della prima squadra e quello degli allievi non accennano infatti né a liti né tanto meno a scontri fisici.

La versione di Allegri in merito è stata: "Non è successo niente, fra me e Pippo non c'è nessun problema. C'è stato solo uno scambio di un minuto di opinioni senza offese come è stato scritto". E conferma lo stesso anche Super Pippo, dichiarando: "Confermo. Tra me e il mister non c'è mai stato nessun litigio, ci tengo a ribadirlo, queste cose non esistono. I ragazzi non si sono accorti di nulla perché non è successo nulla. Ci spiace molto. Tutti noi vogliamo il bene del Milan. In questo momento bisogna dare una mano alla squadra". A detta di Inzaghi quindi, non si capisce come possano essere trapelate tali voci su scontri verbali e fisici dato che i ragazzi non si erano resi conto dell'accaduto. Ciò che trapela però chiaramente sono le direttive che coinvolgono tutti i rossoneri per mantenere un clima tranquillo e fare cerchio attorno alla squadra in difficoltà.

Questa rettifica dell'accaduto non incide però sulla sensazione comune che la partita del Milan contro l'Udinese potrebbe essere per Allegri l'ultima spiaggia. L'allenatore rossonero ne sembra cosciente, avendo anche commentato: "Spero di rimanere al Milan a lungo. Filippo ha tutte le caratteristiche per fare una buona carriera come allenatore partendo da un'ottima base". Contro i bianconeri Allegri dovrà dare prova della ripresa del Milan con una vittoria convincente. Per la formazione, ritroverà a centrocampo Montolivo e probabilmente preferirà Ambrosini a De Jong, mentre in attacco la scelta è abbastanza obbligata: i reduci disponibili sono Boateng, El Shaarawy e ovviamente Pazzini.

Foto | © TM News

  • shares
  • +1
  • Mail