Milan, ciao ciao Gattuso?

Gattuso, un addio?

Nove anni, oltre trecento partite, uno scudetto, due titoli europei e uno mondiale: per Rino è giunta davvero la fine di un ciclo. Il Milan vinci-tutto di Ancelotti sembra destinato a perdere un pezzo della sua storia. In questi giorni si è parlato molto del futuro di Gattuso, il mister ha detto che Ringhio resterà “volente o nolente”. Le richieste non mancano, soprattutto dall'Inghilterra. (Fotogallery) Gattuso ammette:

“Mi piacerebbe avere la possibilita’ di giocare nella Premier League. E’ un sogno che ho sempre avuto e non l’ho mai nascosto, perche’ penso di avere delle caratteristiche per giocare in quel campionato"

E prima del derby il forte centrocampista calabro aveva affermato:

“Siamo concentrati su questa importantissima partita. In molti mi hanno chiesto perchè non sto parlando in questo periodo. Non voglio parlare, perchè non voglio portare i problemi personali nel gruppo perchè il nostro obiettivo è il quarto posto. Dopo, avrò il tempo per parlare delle mie cose"

Dichiarazioni che avevano preoccupato e non poco i tifosi milanisti che vedono in Ringhio insieme ad Ambrosini i maggiori candidati alla fascia di capitano dell'armata rossonera. Negli ultimi giorni inoltre la telenovela si è arricchita di un nuovo avvincente episodio: sembra che il Bayern Monaco, neocampione della Bundensliga, si sia fatto avanti con un'offerta irrinunciabile: si parla di un accordo quadriennale sulla base di 6 milioni di euro annui e 15-20 milioni da versare nelle casse milaniste. Al giocatore, quindi, andrebbe un milione in più di quanto ora percepisce al Milan.

La morale è che la corte dei bavaresi, sembra aver avuto successo. È stata infatti una manovra perfettamente orchestrata da Toni, il quale negli ultimi giorni aveva affermato che avrebbe gradito molto l'arrivo di Gattuso in Bundensliga, trattativa saggiamente condotta da Rummenigge e Franz Beckenbauer che in occasione del "Premio Franchi" a Siena ha dichiarato:

"Gattuso vuole lasciare il Milan? Lui mi piace. Sarebbe una pedina importante per un Bayern da Champions. Anzi, sarebbe perfetto"

Molti tifosi rossoneri hanno quindi riscontrato in questa vicenda molte analogie con la cessione di Shevchenko ma Gattuso come uomo prima che come calciatore va rispettato. Si è sempre comportato da leader vero, ha dimostrato di essere attaccato alla casacca rossonera come pochi altri, quindi prima di dare facili giudizi bisogna attendere le sue decisioni e soprattutto le sue motivazioni. Il tempo ci dirà di più e non è detto che non ci siano clamorose novità. Gattuso resta? Da capitano?

I sogni spesso non si realizzano ma qulache volta si. Ringhio comunque vada resterà per sempre nel cuore del popolo rossonero, di quelli che l'hanno visto gioire, soffrire, esultare ed incitare i tifosi come nessun altro.

Le foto di Gennaro Gattuso




Le foto di Gennaro Gattuso

















































  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: