Gattuso resta al Milan: "E' un orgoglio!"



E' troppo forte il vincolo che lega Rino Gattuso al Milan. E' troppo rossonero il sangue che scorre nelle vene del Ringhio nazionale. E così, dopo aver taciuto fino ad oggi, lasciando in apprensione i suoi tifosi, quasi rassegnati a veder partire "uno di loro", dopo aver sopportato in silenzio le illazioni, le supposizioni, le critiche dei media, il numero 8 milanista è uscito allo scoperto.

Lo ha fatto oggi dopo un colloquio a porte chiuse con Adriano Galliani, a cui ha partecipato anche Carlo Ancelotti. Ciò che è emerso, in sintesi, è che Gattuso resta al Milan. Niente Bayern Monaco, per buona pace di Luca Toni che, non più tardi di oggi, si auspicava un arrivo in Baviera del centrocampista calabrese. Niente Premier League, sogno mai celato dello stesso Rino. Ma sempre e solo Milan. Almeno fino al 2011.

Queste le dichiarazioni di Gattuso, al termine della tavola rotonda con l'A.d. di via Turati e il Mister di Reggiolo, pubblicate dal sito ufficiale del Milan A.C.:





"Non vado via perchè ho chiarito tutti i miei dubbi. Si sono fatti alcuni discorsi in questi giorni, ma ci tengo a precisare che non ho mai parlato di soldi. Chiudo la mia carriera nel Milan, sicuramente rimarrò fino al 2011 e sarà importante andare via perchè se non l'ho fatto adesso, sicuramente non lo farò nemmeno dopo. Dopo il 2011 vedremo cosa fare.

La fascia di capitano? Ci sono delle gerarchie ed è giusto che si rispettino. In questo momento il capitano è ancora Paolo Maldini ed è giusto che si parli di lui come capitano. Poi quando smetterà spetterà ad Ambrosini ad indossarla in quanto vice-capitano e dopo Ambrosini ci sarò io.

E' vero che sono stato qui nella sede di Via Turati un'ora stamattina e due ore questa sera, però è anche vero che questa mattina ho passato molto più tempo a salutare i dipendenti rispetto che a parlare con Adriano Galliani, anche perchè dopo nove anni, è giusto che si porti rispetto a tutte le persone che fanno parte di questa società.

Rimanere qui è un orgoglio anche perchè basta guardarsi attorno per vedere tutte le Coppe che sono state vinte. Anche perchè il Milan è il club più titolato al Mondo ed è senza dubbio uno dei club più importanti al Mondo."

Difficilmente i dissapori con la Società si sono volatilizzati in qualche ora di colloquio ma, una volta tanto, in questo mondo posticcio, hanno prevalso i sentimenti. In pochi credevano che a portare Gattuso a valutare l'addio al Milan ci fossero questioni economiche ma, pochi ancora oggi, sono in grado di spiegare con chiarezza quali siano queste incomprensioni.

Quel che è certo è che c'è la volontà di appianare queste questioni insieme. Galliani ha circolettato di rosso la data del 19 maggio sul suo calendario, considerando la conferma di Gattuso come il primo tassello di rinforzo per il Milan che verrà. Sicuramente i più felici sono i tifosi, che rivedono in Ringhio la loro passione e la loro grinta. Un simbolo, un idolo, "uno di noi".

Le foto di Gennaro Gattuso















































  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: