South China batte Juve 2-1: inizia male la tournée in Asia e Australia


Senza i nazionali italiani e Sissoko, gli infortunati Belardi, Nedved, Iaquinta e Andrade e con poca benzina nei muscoli, la Juve in questi giorni girovaga nell'Estremo Oriente per un tour organizzato da MP&Silva e che si chiama Costa Cruises Juventus Asia-Pacific Tour 2008. La squadra è atterrata ad Hong Kong martedì e già oggi è scesa in campo dopo una sbornia d'affetto ricevuta dai tifosi locali che hanno sommerso la truppa bianconera tra ospitate televisive e richieste di autografi: dopo aver vinto contro il Manchester City di Eriksson, la più blasonata squadra del Paese ha battuto anche la Juve con un buon 2-1.

In gol due brasiliani, merce comunissima da queste parti, tali Santos Filho e Bento Dos Santos che hanno regolato Vanstrattan già nei primi 45 minuti; ma la Juve ha giocato con intensità (fin quanta ne è concessa) e ha tentato ripetutamente di raddrizzare il match con Palladino e Trezeguet. Buone le prove di Tiago e Marchionni, con Zanetti solito perno del centrocampo; il gol degli ospiti è stato siglato da Zebina a 2 minuti dalla fine con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Stendardo ha sbagliato il gol del pari che avrebbe portato il match ai rigori. Domani valige chiuse e nuova tappa (Fotogallery della tournée).

La squadra si sposterà a Shangai dove sabato, sempre in diretta su Sky Sport 1 alle 14 e 45, incontrerà i cinesi del Shenhua FC; il match farà parte di un triangolare in cui parteciperà anche il Parma e si chiamerà Fiat Cup: in quell'occasione la Juve indosserà una maglia bianconera con la scritta "Fiat" come sponsor. Quindi il 30 maggio ultima tappa, questa volta in Oceania contro la squadra più calda degli ultimi anni in Australia, il Melbourne Victory FC.

A rimpolpare la rosa ci hanno pensato Paolucci dell'Atalanta e Rossi del Siena, due ragazzi già noti nel massimo campionato ma comunque facenti parte della vecchia nidiata della Primavera di Chiarenza; ad essi si aggiungono i giovani Fiory, Castiglia, Vecchione e Pasquato. Una bella esperienza per loro, ma di certo anche per i più affermati big che raramente avranno altre occasioni di giocare a calcio a queste latitudini.


Le foto della Juve in Estremo Oriente

Le foto della Juve in Estremo Oriente


Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente
Le foto della Juve in Estremo Oriente

Fonte: juventus.com

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: