Mourinho atterrato a Milano: all'Inter lo aspetta un triennale da 27mln e un mercato faraonico

Anche se manca ancora l'ufficialità sarebbe ridicolo negarlo: sarà Josè Mourinho il prossimo allenatore dell'Inter. Il portoghese è il sostituto di Roberto Mancini che si è bruscamente congedato dalla società che l'ha portato ai primi importanti successi italiani dopo un incontro, breve e chiarificatore, con il Presidente Moratti. I dettagli sui 4 anni di contratto rimanenti, 24 mln di euro che avrebbe dovuto incassare dalla società nerazzurra in totale, saranno discussi domani dall'Agente di Mancini e dal Vice Presidente interista Ghelfi.

Nel frattanto è accaduto quello che tutti si aspettavano, Mourinho (Fotogallery) è atterrato a Milano in serata già al seguito di Marco Branca, un po' come conferma definitiva che la soluzione di "The Special One" sulla panchina dell'Inter era pronta già da tempo. In totale l'operazione "cambio allenatore" rischia di costare al generoso Moratti quasi 50 mln di euro. Almeno 10 finiranno nelle tasche di Mancini come generosa buonuscita, addirittura 9 (netti) per tre anni saranno destinati all'ex allenatore del Chelsea.

Le spese per l'Inter non finiranno certamente qui, l'arrivo di Mourinho sconvolge (o meglio rende chiara) la strategia di mercato della società nerazzurra intenzionata a puntare seriamente alla conquista della Champions. L'allenatore, si sa, è abituato alla super disponibilità (economica e non) del magnate russo Abramovich, con Moratti non dovrebbe trovarsi male. Gli obiettivi sono chiari e sono tutti nomi di un certo spessore e dal costo notevole.

Uno su tutti la bandiera del Chelsea, autore del gol del pareggio nella recente finale di Mosca, Frankie Lampard. L'inglese è ansioso di seguire il suo ex allenatore in una nuova avventura nel nostro calcio, emissari del giocatore si sono fatti sotto per cercare conferme all'arrivo di Mourinho. Messo questo tassello la possibilità che Lampard vada a fare compagnia a Cambiasso e Vieira nel contrcampo dell'Inter diventa molto concreta.

I "colpi grossi" dell'Inter targata Mourinho non finirebbero qui, sul piatto ci sono due grandi talenti portoghesi, naturalmente felici di ritrovarsi in un nuovo ambiente. Stiamo parlando di Quaresma, il laterale offensivo del Porto, e Deco, regista brasiliano naturalizzato portoghese che va a completare la coda dei tanti campioni in attesa di "fuggire" dal Barcellona tramortito dopo le ultime stagioni prive di successi.

Moratti, ne sarà consapevole, dovrà decisamente aprire i cordoni della borsa, i tifosi possono sognare e consolarsi così della dipartita di Roberto Mancini....

Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea

Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea
Josè Mourinho, dimissionario allenatore del Chelsea

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: