Italia-Belgio 3-1: gli azzurri sono in forma, Di Natale più di tutti


Doveva essere la partita per testare il gruppo prima di partire per Baden e alla fine Roberto Donadoni esce dal terreno di gioco del Franchi abbastanza soddisfatto, conscio di aver visto una squadra in palla, determinata e consapevole dei propri mezzi. Certo, il Belgio s'è rivelato poca cosa, ma in fondo i giovani avversari hanno venduto cara la pelle, arresisi a una superiorità che prescinde dal loro livello tecnico: questa Italia è forte e l'impressione è che agli Europei ci si potrà divertire.

Mattatore della serata Totò Di Natale, non fosse altro per la doppietta realizzata nel primo tempo: sono due gol dei suoi, entrambi di destro e poi via a festeggiare con le braccia larghe. La prima rete è stata la più bella: cross di Pirlo e fendente al volo di destro che non ha lasciato scampo a Stijnen; la seconda marcatura invece è nata da una bella giocata di Aquilani che ha pescato l'udinese abile a infilare il portiere belga con freddezza. Il primo tempo è stato caratterizzato da questi due lampi e da un'infinità di palloni magistralmente giocati da Aquilani e Pirlo, gli uomini-assist; il romanista è stato preferito ad Ambrosini a centrocampo, così come negli 11 ha trovato posto il tridente annunciato, Toni a supporto del già citato Di Natale e Camoranesi.

Proprio l'italo-argentino nella ripresa ha pescato il tris: Del Piero, che aveva rilevato Di Natale, ha addomesticato una palla alla trequarti e si è involato verso la porta belga, salvo poi fornire un assist delizioso al compagno juventino che ha battuto Stijnen per la terza volta. Tante le sostituzioni effettuate da Donadoni nel secondo tempo: degna di nota quella di Toni sia perché è stato applaudito dal pubblico di Firenze sia perché al suo posto è entrato Borriello; il genoano, in procinto di tornare al Milan, si è divorato un gol incredibile a porta vuota e sulla linea di porta. E' entrato anche Cassano, bersagliato dai difensori avversari.

All'ultimo secondo Sonck, buon centravanti del Bruges, ha trovato il modo per fare gol e rendere un po' più amara la serata a Gigi Buffon: angolo dalla destra e inzuccata vincente del belga, col portierone azzurro stizzito per non esser riuscito a mantenere inviolata la propria porta. Ma in fondo è solo un dettaglio di una serata che ha divertito e convinto e che lancia l'Italia splendidamente in vista degli Europei; il Belgio non sarà l'Olanda ma questa squadra è davvero forte.

ITALIA-BELGIO 3-1 (primo tempo 2-0)
MARCATORI: Di Natale (I) al 9' e al 41' p.t.; Camoranesi (I) al 4', Sonck (B) al 47' s.t.
ITALIA (4-3-3): Buffon; Panucci (dal 1' s.t. Grosso), F.Cannavaro (dal 1' s.t. Chiellini), Barzagli, Zambrotta; Gattuso, Pirlo, Aquilani (dal 30' s.t. Ambrosini); Camoranesi (dal 16' s.t. Cassano), Toni (dal 30' s.t. Borriello), Di Natale (dal 1' s.t. Del Piero). (Amelia, De Sanctis, Materazzi, De Rossi, Perrotta, Quagliarella). All: Donadoni.
BELGIO (4-3-1-2): Stijnen; Hoefkens (dal 1' s.t. Swerts), Kompany, Vertonghen, Pocognoli; Witsei (dal 26' s.t. Gillet), Simons, Mudingayi (dal 39' s.t. Huysgens); Defour (dal 13' s.t. Mirallas); Fellaini, Dembele (dal 13' s.t. Sonck). (Renard, De Roover, De Man, Mulemo). All: Vandereycken.
ARBITRO: Atkinson (Inghilterra)

  • shares
  • Mail
34 commenti Aggiorna
Ordina: