Divieto di fumo negli stadi, la proposta approvata dal Casms potrebbe diventare legge

Sono lontani i tempi in cui Zdenek Zeman poteva seguire le partite fumando le sue proverbiali sigarette, ma se fino ad ora il divieto di fumo interessava solo chi si trovava a bordo campo, dal prossimo anno questa regola potrebbe essere applicata all'intero stadio. L'Osservatorio sulle manifestazioni sportive del Viminale (Casms) si è riunito oggi e tra i vari punti del giorno approvati c'è proprio quello che riguarda il divieto di fumo. Questo non significa che da sabato prossimo non sarà più possibile fumare sugli spalti, ma la regola potrebbe entrare in vigore a partire dalla prossima stagione.

Non stiamo parlando di una novità assoluta, norme del genere sono già in vigore da anni negli Stati Uniti e in Inghilterra dove il tabacco è bandito in ogni luogo pubblico dove si svolgono eventi sportivi professionistici. Anche restando in Italia abbiamo degli esempi: sigarette e affini sono già fuorilegge allo Juventus Stadium, la norma viene fatta rispettare dagli stewart anche se non con la stessa puntualità in tutti i settori, e in passato il club bianconero aveva introdotto questa regola anche all'Olimpico.

L'iter affinché questa proposta si trasformi in realtà è però lungo, essendo infatti gli stadi luoghi pubblici ci sarà bisogno di un decreto legge, senza del quale il divieto sarebbe impossibile da far rispettare. Il senatore del Pd Ignazio Marino si è detto favorevole e propone di inserire la legge nel decreto sanità che si dovrà varare nel prossimo futuro nel quale, tra l'altro, sono già previste nuove restrizioni per i fumatori negli spazi aperti. Il Casms sfrutterà il tempo che manca da qui all'inizio del prossimo campionato per studiare la situazione, magari guardando a quei paesi dove già queste norme esistono.

In attesa di sviluppi non può non nascere un dubbio legittimo: siamo sicuri che in Italia si riuscirà a far rispettare una legge del genere? Ad oggi è già vietato introdurre negli stadi petardi, fumogeni, oggetti pericolosi di varia natura e come vediamo ogni domenica i controlli all'ingresso non riescono ad essere efficaci, sembra difficile immaginare che per le sigarette si riuscirà ad applicare il pugno di ferro.

Foto | © TMNews

  • shares
  • +1
  • Mail