Caos Lega Pro: Reggina "ripescata" ai play out, Savoia retrocesso in D

I calabresi si salvano e affrontano il Messina ai play out, campani tra i Dilettanti. Cambia l'avversario del Pro Piacenza.

Reggina Calcio v ACR Messina - Lega Pro

Il campionato di Lega Pro si è concluso quasi due settimane fa, nei tre gironi sono stati emessi verdetti importanti, tanto per quanto riguarda le promozioni in Serie B, che per quello che riguarda la zona retrocessione. Ma in un paese come l'Italia accade che dopo 15 giorni la classifica possa essere riscritta dalla giustizia sportiva andando a modificare in maniera decisiva la classifica. In particolare sono due le sentenze emesse in seguito ad altrettanti ricorsi che sono andati a determinare delle modifiche nei gruppi B e C.

La notizia più clamorosa riguarda la Reggina, i calabresi erano retrocessi in Serie D concludendo la stagione all'ultimo posto, anche in virtù dei 6 punti di penalizzazione. Il club amaranto aveva però presentato ricorso riguardo all'ultima sanzione che le aveva sottratto tre punti, il Collegio di Garanzia dello Sport lo ha parzialmente accolto restituendo ai calabresi 2 punti. Così sono saliti a quota 29 punti, scavalcando il Savoia che aveva chiuso a 28 e condannando di fatto i campani alla retrocessione. La Reggina invece proverà a conquistare una clamorosa salvezza nel doppio scontro con il Messina, un derby dello Stretto inatteso soprattutto per gli isolani.

Qualcosa di simile è accaduto anche nel Girone B. Il Pro Piacenza fin dalla prima giornata di campionato ha giocato con una zavorra di 8 punti di penalizzazione. Dopo 9 mesi gli emiliani vedono accolto, anche in questo caso parzialmente il ricorso, che porta i punti di penalizzazione a 5. Questo gli permette di scavalcare il Savona e di salire al terzultimo posto, l'avversario contro il quale dovranno vedersela per restare tra i professionisti non sarà quindi il Gubbio ma il Forlì. Sicuramente qualcosa di meno traumatico di quello che è successo dalle parti dello stretto. L'inadeguatezza che si avverte nel mondo del calcio italiano, a livello dirigenziale, resta comunque imbarazzante.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail