Supporters napoletani, trasferte vietate per tutta la durata del campionato


Si attendevano decisioni drastiche e così è stato. I tifosi del Napoli non potranno seguire in trasferta la propria squadra del cuore per tutto l'intero arco del campionato. Lo ha annunciato il Ministro dell'Interno Roberto Maroni, dopo la riunione dell'Osservatorio sulle manifestazioni sportive al Viminale. Inoltre si è stabilito di individuare partite a rischio, "per le quali ci riserviamo di prendere provvedimenti fino alla disputa della partita a porte chiuse".

Maroni ha bacchettato implicitamente anche la prefettura e la questura di Napoli riferendosi ad un'errata valutazione degli avvenimenti accaduti alla stazione partenopea. E si dice soddisfatto della marcia indietro del presidente De Laurentiis che in un primo momento aveva testualmente affermato di stare a prescindere con i tifosi del Napoli.

Pugno duro anche per gli ultras arrestati che secondo Maroni "sono veri e propri delinquenti, criminali organizzati applicati al calcio e per questo dovranno rispondere del 416, ovvero del reato di chi si associa per commettere reati". Critiche anche per il magistrato che "commettendo un grave errore, ha rimesso in libertà i cinque tifosi arrestati, responsabili dei gravi incidenti prima e dopo la partita Roma-Napoli. Si poteva confermare l'arresto e fare il giudizio per direttissima. Sarebbe bene lavorare con l'opposizione per mettere in sicurezza gli stadi italiani".

  • shares
  • Mail
61 commenti Aggiorna
Ordina: