Juve: nel giorno degli anniversari, passi da gigante per gli infortunati


Tre settembre: 31 anni fa in quel di Amnehärad nasceva Olof Mellberg, lo svedese difensore juventino che domenica scorsa s'è fatto beffare dallo scaltro Gilardino; ora il gigante ex Aston Villa è insieme ai compagni di nazionale, con la sua Svezia sabato volerà a Tirana per affrontare l'Albania. Tre settembre: 19 anni fa nel Voivodato di Łódź perdeva la vita Gaetano Scirea, lo storico difensore della Juve e della Nazionale, record-man di presenze e di correttezza (mai un cartellino rosso); fatale fu un incidente automobilistico in Polonia, stato in cui si trovava in qualità di osservatore bianconero. Nel giorno degli anniversari, uno bello e un altro tristissimo, seppur a ranghi ridotti la Juve si è allenata.

Assenti gli svariati nazionali, coach Claudio Ranieri ha deciso di sfruttare al meglio questi giorni per recuperare i tanti infortunati di questo avvio di stagione. Le buone notizie non tardano ad arrivare da quel di Vinovo, tanto che per la seconda giornata di campionato, il posticipo serale del 14 settembre contro l'Udinese, il tecnico romano potrebbe avere a disposizione nientepopodimenoche l'intera rosa. Marchionni e Zanetti stanno smaltendo gli acciacchi muscolari, così come si sta attenuando la fastidiosa infiammazione al tendine rotuleo di Trezeguet. Stessa sorte per Zebina, anch'egli alle prese con un acciacco al tendine d'Achille. Ma è Chiellini a stupire.

Il difensore livornese infortunatosi al ginocchio sinistro contro il Milan nel Trofeo Berlusconi, il 17 agosto scorso aveva avuto paura di doversi fermare molto a lungo. Il giorno dopo gli esami strumentali rassicurarono il clan bianconero e lui stesso, tanto che si parlò di un mese e mezzo di stop massimo: ma Chiellini corre ormai da quasi una settimana e, non è una eresia, potrebbe essere a disposizione già fra 10 giorni come lui stesso spiega ai microfoni di Juventus Channel.

"Ho visto la partita con la Fiorentina e spiace per il pareggio quando si pensava ormai di portare a casa i tre punti. Peccato, ma ho comunque visto una buona Juve. Riguardo alle mie condizioni, preferisco mantenere un po’ di cautela. Mi ero preso un bello spavento al Berlusconi, ora sto migliorando e ho ricominciato a correre. Vedremo come andrà quando inizierò a calciare".

Tra gli altri, ieri s'è visto in campo anche il neo-acquisto Yago Falqué, il diciottenne esterno giunto a Torino direttamente da Barcellona: per lui primo allenamento con la nuova maglia e subito l'opportunità di mostrare il suo valore a Ranieri. Sperando che le Nazionali non consegnino a quest'ultimo giocatori acciaccati, con un po' di ottimismo la rosa bianconera potrebbe contare, a breve, su tutti gli effettivi.

Fonte: juventus.com

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: