Intercettazioni: Bergamo e Messina parlano con Meani



Altre news, altre intercettazioni. Bergamo chiama Meani chiedendo di parlare con Galliani: «Devo parlare col grande capo, mi dai il numero?».
Il reclamo della Juventus per la squalifica di Zlatan
Ibrahimovic dopo un colpo subito da Cordoba viene respinto. Lo svedese salterà la sfida scudetto contro il Milan. I bianconeri vorrebbero fare ricorso alle sedi competenti ma qualcosa non va per il verso giusto. Telefonata tra Bergamo e Meani:

M. Pronto!
B. Leonardo...
M. Ciao Paolo, come stai?
B. Ascoltami, ho urgenza di parlare con il grande capo. Mi puoi richiamare, mi dai un numero dove posso chiamarlo?
M. Subito subito?
B. No! Quando tu mi dici: guarda, richia­malo alla tal ora a questo numero. A me mi va bene anche alle dieci, le undici. L’impor­tante è che è una telefona urgente volevo fargliela.
M. Ascolta, io provo a sentire subito in se­de, se lui è ancora in sede, sennò... perché sennò... tu non hai il suo cellulare?
B. No, io non ce l’ho il suo numero, se me lo dai ci provo.
M. Sennò, sennò io lo chiamo sul cellulare e gli dico così che, che hai bisogno urgente di parlargli.
B. Sì.
M. Tu sta col cellulare acceso che ti richia­mo.

Dopo qualche minuto:

B. Leo!
M. Allora 335...
B. Perfetto.
M. Gli ho parlato, perché, mi fa. Ma cos’ha, che cos’ha? Gli faccio: è agitato è molto ner­voso tutti quelli che gli rompono il c..., ma lui siccome già lo sa. Paolo!
B. Sì.
M. Due cose.
B. Dimmi.
M. Io lo so che tu sei molto arrabbiato di qua e di là, però tu sappi che noi io gli vo­glio bene a Cristiano Copelli. Non ammaz­zarlo, per cortesia.
B. No, no, no, no.
M. Perché è un bravo ragazzo e poi...
B. Lo sto recuperando...
M. Un’altra cosa, se puoi dare un’occhiata ad Andrea Stefani quel ragazzo di Milano...
B. Sì, ma quello esce normalmente lui.
M. Sì, però magari se puoi dargli un’oc­chiatina così...
B. Sì, sì.

Il fatto stesso che Bergamo non possedesse il cellulare dell’amministratore delegato e che dovesse chiederlo a Meani dimostra che la frequenta­zione non era certo così assidua come quella con Moggi. Ma non è questo il punto: il punto è che se quella telefonata c’è stata, e le intercet­tazioni dicono questo, anche il massimo diri­gente del Milan parlava con i designatori. O al­meno con uno di essi. Contrariamente a quanto affermato dallo stesso Galliani.

Meani è curioso di sapere l'arbitro della sfida di Firenze...

M. Ma mi diceva Galliani che ti stanno rompendo i coglioni, per che cosa?
B. Eh... dai non sei troppo intelligente per non capire.
M. Certo... chi è che ci manda a Firenze?
B. Come griglia? L’abbiamo fatta a tre per­ché noi abbiamo... mi fai dire una cosa che con Gigi ti dico cosa ho in mente. Ho in mente di metterne tre, due... la partita vo­stra, quella della Juventus e una gara di B... perché non voglio assolutamente che ci siano preclusioni e gli arbitri sono Messina, sono Farina e sono Rodomonti per me, poi sentiamo un po’ Gigi... perché poi tu im­maginerai quello che i tre che voglio met­tere per la quest’altra domenica.
M. Tu vuoi mettere... io ho capito tu vuoi mettere Paparesta, Collina e Trefoloni.
B. Sissignore... e mi ci gioco la testa.
M. Ecco però a Trefoloni gli fai un bel di­scorsetto.
B. Stai tranquillo, stai tranquillo.
M. Perché sennò gli tagliamo la testa noi...

Nella stessa giornata Meani richiama Ber­gamo per avere informazioni sulla terna:

M. Invece a me a Firenze?
B. Non l’ho ancora studiata a dire la ve­rità, perché mi ci metterò dopo cena.
M. Ah.
B. Stavo guardando è ho quell’elenco di quelli che sono in uscita... Voi con Stagnoli come vi siete trovati ultimamente?
M. Bene.
B. Beh lui potrebbe essere uno...
M. Per noi bene, anche con... anche se vuoi mettere uno che ha fatto poche partite con noi, che noi ci troviamo bene è anche Am­brosino!
B. Eh... potrebbe...
M. E’ venuto da noi è venuto da noi due do­menica fa in casa, però ha fatto solo la par­tita, sarebbe la seconda può anche andar bene eh! Non so se ce l’hai in griglia o come la pensi però è uno...
B. Non è uno che sta andando bene, è un ragazzo...
M. E’ un ragazzo sveglio... a me Stagnoli e Ambrosini vanno anche bene eh...
B. Mentre invece Ayroldi no eh!
M. No Ayroldi sì, Ayroldi sì...
B. Quant’è che non viene Ayroldi?...
M. E’ un po’ che conviene... è un po’ che non viene... Ayroldi può andare bene, anche.
B. Non sarebbe male eh!
M. No! Stagnoli e Ayroldi.
B. Uh...
M. O Stagnoli-Ayroldi o Stagnoli-Ambrosi­ni può mandare.
B. Sei sicuro che Ayroldi è perlomeno un mese che non viene?
M. Sì, sì, sì.
B. Eh allora mi danno un certa garanzia Stagnoli e Ayroldi!

Guarda un pò ci saranno entrambi!

Il parere dell'arbitro Messina sulla triade bianconera:

Mea. Loro, come sempre, non sono venuti a salutarti.
Mes. No, sono venuti questa volta.
Mea. Sono venuti?
Mes. Sì, stavolta sì. Hanno vinto e, con grande classe, sono venuti. Quando perdo­no, non vengono.
Mea. La Triade al completo?
Mess. No solo due... Solo due. Bettega no.
Mea. Eh lo so, loro due, i due cagnoni.
Mes.Eh sì, sì.
Mea. Eh, son bestiali eh.
Mes. Sono proprio dei cagnoni comunque.
Mea. Eh, sono tremendi
Mes. Eh, sono antipatici perché sai voglio dire anche Galliani ha potere però non è così antipatico.
Mea. No, non è così antipatico perché……
Mes. E’ più intelligente, è più intelligente.
Mea. Esatto, questi invece sono arroganti ai massimi livelli, e poi loro...
Mes. Sono veri mafiosi.

via|calciomercato.com

  • shares
  • +1
  • Mail
37 commenti Aggiorna
Ordina: