De Laurentiis accusato dalla polizia: “Agenti aggrediti all’aeroporto”

Pesanti accuse nei confronti del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, da parte del Sindacato lavoratori polizia della Cgil (Silp). In un comunicato da parte della corporazione riportato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, si legge che il numero uno del club partenopeo avrebbe addirittura aggredito fisicamente alcuni agenti presenti all’aeroporto di Capodichino. I fatti risalirebbero a sabato scorso e De Laurentiis avrebbe provocato ad alcuni agenti "contusioni e lesioni", ragion per cui il sindacato di categoria chiede che il presidente del Napoli "venga perseguito nelle sedi opportune".

Secondo la ricostruzione fatta da ‘Repubblica’, De Laurentiis sarebbe arrivato presso l’aeroporto di Capodichino chiedendo di salire a bordo dell’aereo con il suo staff di 18 persone, senza fare la fila, passando per il percorso riservato all’equipaggio. Dopo essere stato accontentato, il presidente del Napoli avrebbe chiesto ad un agente della Polaria di portagli i bagagli, ma il poliziotto si sarebbe rifiutato facendogli notare che “non è lì per questo”. De Laurentiis a quel punto avrebbe chiesto il pulmino privato per raggiungere l’aereo, ma le ultime disposizioni in termini di sicurezza glielo hanno vietato.

De Laurentiis litiga con i poliziotti

Dopo aver incassato due no consecutivi, il patron azzurro avrebbe chiesto all’agente di non seguirlo, poi si volta e lo colpisce con una gomitata alla gola, scatta la bagarre che coinvolge un altro agente e alcune persone dello staff di De Laurentiis. Un incidente diplomatico che esponenti della Questura avrebbero tentato di minimizzare, ma il sindacato non ci sta e invia un fax con una denuncia pubblica:

"Quello che è accaduto è vergognoso - si legge nella nota della Silp Cgil - e dimostra ancora una volta come personaggi che credono di essere al di sopra della legge non amino il rispetto delle regole e il lavoro che le forze dell'ordine svolgono per tutelare i cittadini. Al presidente della società è stato cortesemente consentito, pur non avendone diritto alcuno, di imbarcarsi attraverso il varco riservato. Ma se de Laurentiis giunge ad aggredire i poliziotti fisicamente provocando loro contusioni e lesioni è mortificante per i lavoratori della polizia e ignobile per chi si crede al di sopra della legge. La polizia è al servizio dei cittadini e non come crede de Laurentiis, dei privati, addirittura con mansioni di "domestico"".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail