Calciomercato Inter: Thohir frena, prima si vende

Il calciomercato dell’Inter bloccato dalle cessioni: Erick Thohir avrebbe telefonato alla dirigenza nerazzurra avvisando tutti. Se non prima saranno ceduti i calciatori in esubero non arriveranno altri rinforzi, nonostante Mancini continui a chiedere almeno un altro colpo per reparto. Ieri Ervin Zukanovic si è sistemato alla Sampdoria dopo essere stato a lungo accostato proprio al club milanese: dietro questa operazione, c’è sostanzialmente il blocco imposto dal presidente, che secondo la ‘Gazzetta’ avrebbe sostanzialmente detto ai suoi che “non si spende più un euro senza cessioni”.

Il nodo è tutto lì: dopo aver piazzato diversi ottimi colpi, da Kondogbia a Miranda, passando per Murillo, l’Inter si è improvvisamente piantata. Attualmente, al netto dei giovani aggregati alla prima squadra, Roberto Mancini sta allenando 30 calciatori, ai quali il tecnico di Jesi vorrebbe aggiungerne altri 3-4. Considerato che i nuovi regolamenti impongono il vincolo di 25 giocatori, i calciatori in esubero sono almeno 8-9.

Thohir, presidente Inter

I no dei giorni scorsi, però, hanno messo in allarme il presidente dell’Inter, che ha spedito Fassone nel ritiro di Riscone per accelerare quantomeno la cessione di Xherdan Shaqiri allo Schalke 04. Lo svizzero sembra aver già detto sì alla proposta del club tedesco, ma l’intesa tra le due società tarda ad arrivare e dall’ambiente nerazzurro traspare nervosismo. Oltre all’ex Bayern Monaco, con le valige in mano ci sono altri calciatori, che però hanno fin qui rifiutato (per un motivo o per un altro) le destinazioni proposte dall’Inter: Guarin (Besiktas, Galatasaray), Santon (Watford), Andreolli e Nagatomo (Sampdoria), Juan Jesus (Spartak Mosca, Fenerbahce), Vidic (Wolfsburg, Everton e Major League Soccer). Nelle ultime ore si parla anche di Medel vicino al Liverpool, ma visti i chiari di luna, il diesse Piero Ausilio ci deve andare con i piedi di piombo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail