West Ham: Curbishley si dimette, Di Canio sulla panchina degli Hammers?


Giornate abbastanza tribolate nell'East End londinese: l'ultracentenario West Ham United è la prima squadra di Premier League a cambiare allenatore dopo le dimissioni del suo allenatore Alan Curbishley. L'ex manager del Charlton, da un paio di stagioni sulla panchina degli Hammers, ha infatti deciso di svestire i panni di allenatore del West Ham presentando delle dimissioni un po' a sorpresa: l'acquisto di Di Michele pare sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, colmo di incomprensioni con la dirigenza islandese del club. Queste le parole del tecnico inglese:

"Ho iniziato la mia carriera nel West Ham quando lasciai la scuola nel 1974, e sono sempre stato un fan di questa società. Sono sempre stato orgoglioso di guidare questa squadra, e la decisione di lasciare è stata per me molto sofferta. Per un manager è difficile operare la selezione di una squadra. Con il club avevo un accordo in base al quale solo io avrei stabilito la composizione della rosa. Invece loro hanno continuato e prendere decisioni importanti senza mai consultarmi. Si è creata la rottura di un patto di fiducia, per cui l'unica opzione rimastami era quella di lasciare. Ma auguro al club ed ai giocatori ogni fortuna per il futuro"

In realtà, oltre all'affare Di Michele, Curbishley era fortemente contrario alle cessioni di due difensori, Anton Ferdinand e George McCartney, passati nei giorni scorsi entrambi al Sunderland di Roy Keane. Queste transazioni sul principio di settembre gli hanno fatto perdere le pazienza. Bye Bye dunque Alan, chi sarà di scena ora a Boylen Ground (o Upton Park che dir si voglia)? Di Canio o Bilic?

Sono infatti questi i due nomi che circolano con maggior insistenza nell'ambiente claret&blue, col croato in leggero vantaggio sul romano. Entrambi hanno indossato la maglia degli Hammers, con il primo solo per una stagione mentre per Di Canio furono ben 5 anni indimenticabili. Le sue dichiarazioni in merito a queste voci sono inequivocabili: "E' vero, c'è stato un contatto. Il mio sogno è sempre stato quello di tornare un giorno a Londra e sedermi sulla panchina del West Ham". Ci riuscirà? O ce la farà l'attuale ct della Nazionale croata? La sfida è tra questi due giovanotti, anche se alla fine potrà spuntare un terzo nome, quello "vincente", chissà forse Roberto Mancini. Non poteva cominciare in modo più incerto l'avventura di Di Michele...

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: