Lite Tonelli-Denis, indagine chiusa: l'empolese minacciò di morte l'argentino

Si conclude dopo tre mesi l'indagine della Procura federale relativa alla rissa che alla fine di Atalanta-Empoli aveva visto coinvolti l'attaccante nerazzurro Denis e il difensore dei toscani Tonelli. L'argentino era entrato nello spogliatoio empolese e aveva colpito con un pugno l'italiano, il gesto gli era costato cinque giornate di squalifica che gli hanno in pratica fatto saltare la parte finale del campionato. Per Tonelli la giornata di squalifica fu solo una, ma non venne scontata proprio per questo supplemento d'indagine in corso.

La Procura ha stabilito che in effetti il difensore aveva minacciato di morte l'avversario. "Ti ammazzo a te alla tua famiglia" fu questa frase a scatenare l'ira di Denis, giocatore che mai si era macchiato di episodi del genere. Dopo quel 26 aprile in molti, soprattutto dell'Empoli, lo avevano criticato per l'aggressione definendola vile e immotivata. Dopo aver ascoltato vari testimoni però il Procuratore ha evidenziato come effettivamente l'argentino fosse stato minacciato pesantemente. Il suo gesto resta da condannare ma in parte questa indagine lo riabilita. Salterà invece la prima giornata di campionato Tonelli che a questo punto deve scontare un turno di squalifica.

  • shares
  • Mail