Under 21: la Croazia strappa un pari, ma l'1-1 basta all'Italia


Estrapolando i 90 minuti di Zagabria da tutto il resto c'era di che mangiarsi le mani: gli azzurrini di Casiraghi hanno dominato in lungo e in largo salvo poi farsi beffare al 7 minuti dalla fine; ma visto che anche il pari bastava a Giovinco e soci, allora non è tempo di criticare il poco cinismo della squadra azzurra, né il black-out da cui è scaturito il pareggio croato. Giovinco e Balotelli in attacco non hanno mostrato incisività, fortuna che il centrocampo ha girato discretamente e la difesa ha dovuto più che altro controllare un'offensiva avversaria piuttosto sterile.

Eppure all'inizio la Croazia di Ladic sembra voler mettere in difficoltà la compagine italiana; il tempo di prendere le contromisure ed ecco che il baricentro azzurro si alza, macinando gioco e occasioni da gol. La rete dello 0-1 arriva al 37° quando Motta raccoglie in piena fronte un corner battuto da Giovinco: incornata perfetta e niente da fare per Keleva, Croazia-Italia 0-1. Nella ripresa Tomasov e Vida, inseriti dal ct Ladic per smuovere un po' le acque combinano poco, ma anche Balotelli non sembra lo stesso di Castel di Sangro e Giovinco continua a fare bene sino ai 20 metri.

Sebbene la manovra azzurra sia ancora vivace e la Croazia non pare avere sbocchi, all'83° arriva l'inaspettato gol del pareggio: punizione apparentemente innocua di Kulusic e palla che supera Consigli, il risultato si porta così sull'1-1. Casiraghi si arrabbia, ma non c'è tempo per preoccuparsi perché i minuti finali scivolano via senza sussulti particolari: dopo 3 minuti di recupero l'arbitro francese Ennjimi fischia la fine. Dopodomani, 12 settembre, l'Italia Under 21 conoscerà l'avversario che dovrà affrontare a ottobre per staccare il pass definitivo per gli Europei di categoria che si terranno la prossima estate in Svezia.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: