Eva Carneiro farà causa al Chelsea, Mourinho rischia la squalifica

La dottoressa, allontanata da Mourinho, chiederà un risarcimento milionario al club di Abramovich.

Rischia di costare carissima al Chelsea la decisione di Mourinho di allontanare dallo staff tecnico Eva Carneiro. La dottoressa portoghese aveva fatto andare su tutte le furie lo Special One nei minuti finali della partita contro lo Swansea, quando con il fisioterapista Jon Fearn, si era precipitata in campo per soccorrere Hazard. Da allora non è più tornata a bordo campo ed è stata allontanata anche dagli allenamenti della prima squadra. Si pensava che dopo un periodo "di punizione" sarebbe stata reintegrata ma così non è stato, questo porterà inevitabilmente ad una causa legale contro il club inglese.

La Football Medical Association (FMA), l'associazione che rappresenta i medici nel calcio inglese, ha offerto il pieno supporto alla Carneiro. Nelle ultime settimane la donna ha anche contattato uno studio legale di Londra per capire se ci fossero gli estremi per intentare causa al club, con l'obbiettivo di ottenere un risarcimento, l'opinione dei legali è che queste possibilità siano molto alte. Pare anche che il Chelsea abbia offerto una sorta di buonuscita, la FMA ha però specificato che la cifra non era soddisfacente.

Ma a margine di questa vicenda potrebbero anche esserci problemi disciplinari per José Mourinho. La Football Association ha aperto un'indagine contro l'allenatore, colpevole di aver usato un linguaggio offensivo nei confronti della dottoressa. In particolare l'avrebbe apostrofata con le parole "filha da puta", l'uso del femminile singolare non lascerebbe spazio a nessun malinteso, anche se lo Special One ha negato tutto. Secondo la norma E3 della FA, se dovesse essere accertato l'uso di linguaggio offensivo, il tecnico rischierebbe fino a cinque giornate di squalifica. Il Chelsea ha cercato di spegnere la polemica spiegando che si tratta di "vicende interne", la sensazione è che la Carneiro vincerà questa battaglia.

Eva Carneiro

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail