Juventus, Buffon: "Scudetto? Inutili voli pindarici"

Gianluigi Buffon non illude i tifosi e parlando a ‘Sky Sport’ pronuncia parole che suonano tanto come una resa, almeno per quel che riguarda la lotta scudetto. La Juventus contro il Napoli ha rimediato la terza sconfitta in campionato su sei partite e al momento la statistica condanna i campioni d’Italia: da quando ci sono i tre punti, mai nessuna squadra è riuscita ad entrare nei primi tre posti partendo da uno score di 5 punti dopo sei giornate. Massimiliano Allegri è finito nel ciclone per via della confusione tattica denotata dalla Juventus nelle ultime uscite e Buffon sembra indirettamente confermare tutti i limiti della squadra dopo le cessioni di Vidal, Pirlo e Tevez:

"Viviamo di sfide che è sempre bello vincere - dichiara a Sky Sport - , è dal 2010 che non vivevamo una situazione del genere così difficile. Siamo all'inizio, in alcune gare abbiamo fatto meglio rispetto ad altre ma ciò che ci manca è l'equilibrio".

La squadra non ha equilibrio, produce ma segna pochissimo e ha già subito 7 gol in sei gare (lo scorso anno di questi tempi solo uno). La classifica deficitaria è solo le specchio di una ricostruzione che fatica a decollare, con i giovani che sembrano patire un po’ troppo il peso della maglia (Lemina a parte). Allegri predica prudenza ed ottimismo e curiosamente utilizza la stessa frase che pronunciò nel settembre del 2013 al Milan, quando con 5 punti dopo 5 partite si avviava verso l’esonero: “A Natale vedrete un’altra classifica”.

Gianluigi Buffon

Buffon, da capitano, riporta tutti sulla terra e lascia intendere che dopo 4 anni di dominio assoluto in Italia, la Juventus si appresta ad abdicare, lasciando lo scudetto ad altri. L’Inter si trova a +10 e se dovesse vincere con la Fiorentina salirebbe addirittura a +13, meglio per i bianconeri pensare partita dopo partita e concentrarsi ora alla sfida di Champions League contro il Siviglia:

"Il distacco in classifica è davvero tanto, per ora meglio accantonare questo discorso. E' inutile fare voli pindarici senza senso, pensiamo a lavorare e migliorare partita dopo partita".

  • shares
  • Mail