Castillo-Ghezzal: esordio col gol

In comune hanno ben poco: dieci anni di differenza, nati a migliaia di chilometri di distanza, giocano in squadre geograficamente distanti e, per di più, Castillo in realtà aveva esordito la domenica prima a Torino. Ma qualcosina, in fin dei conti, che li accomuna, si può trovare: due stranieri che hanno trovato fortuna nelle serie inferiori italiane, due che l'hanno messa dentro con continuità, due calciatori che non hanno patito il salto di categoria: loro continuano a segnare, come hanno sempre fatto. E domenica prossima si sfideranno, Lecce-Siena.

Josè Ignacio Castillo, detto Nacho, è nato in Argentina ma ormai è italiano di adozione, pugliese più precisamente. In attesa di un passaporto da comunitario l'ha messa dentro senza sosta in Serie D, girandosi il Salento alla bell'e meglio, con capatina a Lamezia Terme. Poi, finalmente professionista, ha fatto lo stesso in C2, in B (con le maglie di Frosinone e Pisa) e l'ultima tappa si chiama Lecce, il capoluogo di quella fetta d'Italia che lo ha incoronato bomber indiscusso negli anni passati. Un milione e mezzo al Pisa, Angelozzi se l'è portato in giallorosso, lui, quel Nacho taciturno legato alla famiglia che ha firmato un contratto triennale: centesima partita da professionista e gol al Chievo. Una garanzia.

Abdel Kader Ghezzal è un franco-algerino, compagno di squadra ai tempi delle giovanili del Lione con Benzema. Cresciuto nella cittadina di Vaulx en Velin, non ha trovato spazio nella prima squadra dei pluri-campioni di Francia, andandosi così a fare le ossa nelle serie minori transalpine. Quindi Crotone, da cui va e viene (Biellese e Pro Sesto), salvo poi fare con i pitagorici un campionato intero, quello scorso: Ghezzal segna 20 gol, lo straniero più prolifico della storia della C1 in una sola stagione, dietro solo a Di Napoli. Se lo accaparra il Genoa, lo gira al Siena nell'operazione Forestieri, lui arriva nella città del Palio e mette radici: contratto fino al 2012. Ed esordio col gol: bravo Jarolim, ma il 2-0 sotto la Robur all'esordio è qualcosa da predestinato.

La Serie A impara a conoscere i nuovi goleador, aspettando Larrivey...

  • shares
  • Mail