Inizia la Champions del Real Madrid

bernDa molti anni non riesce a sollevare la “Coppa dalla grandi orecchie”; da troppo tempo non superara lo scoglio degli ottavi di finale. Quest’anno però il Real vuole essere protagonista e vuole lottare per conquistare la “Decima”.

La Champions League, ossessione e chiodo fisso di Calderon, di Schuster, dei tifosi delle merengues riparte dal Bernabeu in una partita sulla carta abbordabile contro il Bate Borisov, squadra bielorussa con soli 12 anni di vita. I blancos però non devono abbassare la guardia, perché il girone che la sorte ha riservato non è certo dei più leggeri: ci sono il sorprendente Zenit e la Juventus a dare filo da torcere a Raul e compagni.

Non possiamo permetterci il lusso di sbagliare, Dobbiamo trovare il modo per vincere, questi 3 punti devono essere nostri, dobbiamo conquistarli in qualunque maniera”, ha dichiarato in conferenza stampa un carico Bern Schuster che rivela anche un’importante rientro nell’11 titolare, Sergio Ramos, difensore indubbiamente necessario visto soprattutto l’ultima performance difensiva dei suoi compagni di reparto.

Il mister blancos ha stima e fiducia nei suoi giocatori ed esclude che la Champions possa essere un tabù: “ sono convinto che questo gruppo possa andare più avanti dell’anno scorso; se avremo tutti i giocatori disponibili saremo agli stessi livelli delle squadre inglesi”.

Non c’è bisogno di particolari metodi per motivare l’organico, visto che “la Champions è un evento che motiva tutti, è una competizione attrattiva seguitissima. Sicuramente la motivazione è un aspetto su cui c’è meno da lavorare”.

Per quanto riguarda la formazione, l’allenatore tedesco dovrebbe schierare in difesa Ramos, Cannavaro, Heinze e Marcelo; a centrocampo Gago e Guti con Van der Vaart, Raul (al rientro dopo i problemi al tendine d’achille) e Robben dietro l’unica punta Van Nistelrooy.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: