Moratti-Maradona: il binomio che non t'aspetti

Sulla Gazzetta di oggi è stata pubblicata una lunga intervista di Candido Cannavò al presidente dell'Inter, Massimo Moratti. Si tratta di una conversazione in cui il patron nerazzurro e il giornalista della rosea toccano molti temi, dall'attualità nerazzurra ai progetti futuri senza dimenticare il passato più o meno recente. E proprio il futuro della beneamata potrebbe riservare una grossa sorpresa ai tifosi e più in generale a tutti gli appassionati di calcio.

Moratti ha raccontato di una cena tenuta qualche mese fa, l'invitato d'onore era Diego Armando Maradona, e a detta del presidente l'evento è stato davvero piacevole. Maradona ha conversato amabilmente dando l'impressione di essere davvero fuori dai mille problemi di cui la sua vita è sempre stata piena. Non solo, Moratti si è sbilanciato prevedendo una carriera in nerazzurro per il "pibe de oro".

Il suo ruolo sarebbe quello di osservatore per il Sud America, dovrebbe in pratica procacciare giovani di belle speranze per l'Inter, forte della sua esperienza e della sua grande competenza calcistica. Chissà che poi Moratti non possa farsi ingolosire dalla collaborazione con Maradona per provare a raggiungere il genero dell'argentino, fidanzato della figlia Giannina, il talento dell'Atletico Madrid Sergio Aguero. Ipotesi senz'altro affascinante per i tifosi del biscione.

Ma non si è parlato solo di Maradona. Sono stati toccati l'argomento Mancini: "Mi dispiace, lui aveva rotto con la squadra. Tenerlo sarebbe stato metterlo in balìa dei giocatori". O il più recente tema dell'acquisto di Quaresma: "Confesso di aver preso il portoghese di cattiva voglia, proprio per non lasciare buchi nel progetto di Mourinho". E a proposito del portoghese, cos'ha in più dello jesino? Il presidente crede di aver capito la differenza: "Mi sembra che sappia trasmettere il proprio carisma alla squadra. L'Inter deve ancora migliorare nel gioco, ma la sua personalità si è vista ad Atene".

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: