Quagliarella: "Via da Napoli per accuse di camorra e pedofilia"

Fabio Quagliarella andò via dal Napoli dopo aver rotto con la tifoseria e con il presidente De Laurentiis? Non è propriamente così: dopo diversi anni è lo stesso bomber del Torino a fare luce su quanto accadde nell’estate del 2010. E lo fa in un momento molto delicato per la sua carriera: da giorni, infatti, il bomber campano è finito nel mirino della tifoseria granata, per via delle vere o presunte scuse ai sostenitori del Napoli dopo aver messo a segno un gol su rigore nell’ultimo scontro diretto.

Oggi, però, i problemi di Quagliarella con la sua tifoseria passano in secondo piano, poiché tiene banco il processo a Raffaele Piccolo, un agente della polizia postale accusato di essere “lo stalking dei vip”. Come riporta il ‘Corriere dello Sport’, Fabio Quagliarella è stato sentito in quanto parte lesa ed ha fatto importanti rivelazioni su quanto accaduto nel 2010:

"Me ne andai a Torino - rivela il bomber di Castellammare di Stabia - perché ricevetti le accuse infamanti di essere un camorrista ed un pedofilo, oltre per aver partecipato a delle orge. Tutto questo giunse via lettere anche al presidente De Laurentiis".

Quanto al suo rapporto con Piccolo, Quagliarella ha ammesso di averlo incontrato per la prima volta nel 2000 e ha fatto riferimento anche a messaggi ricevuti sul telefonino del padre e della fidanzata.

Fabio Quagliarella


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 12 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO