Bate Borisov - Juve 2-2: i bianconeri deludono e si salvano grazie a Super Iaquinta

Doppietta per Vincenzo aquinta

Arriva il terzo pareggio consecutivo per la Juventus di Claudio Ranieri, il primo in Coppa. A Minsk i bianconeri rischiano il tracollo sotto i colpi di un Bate Borisov pimpante che, a fine partita, verrà osannato dai propri tifosi, per aver conquistato il primo punto della propria storia nella massima competizione europea. E per giunta, contro un avversario blasonato come la Juve. (Video)

Nel primo tempo i bielorussi arrivano primi su tutti i palloni e conquistano la superiorità a centrocampo, martellando gli avversari con un pressing costante. Al 17esimo si concretizza la superiorità dei padroni di casa che passano in vantaggio con Kryvets che dribbla il vice-Buffon Manninger, e mette in rete con un rasoterra preciso, dopo essere stato lanciato a tu per tu, da solo, davanti all'estremo difensore torinese.

La Juve è frastornata e subisce un colpo micidiale, da KO (o quasi) dopo appena sei minuti: al minuto 26, cross da sinistra di Likhtarovich e testa di Stasevich che, appostato sul secondo palo, manda il pallone dalla parte opposta. E' il 2-0 e per la Juve sembra l'inizio di una serata da incubo.

Invece la Vecchia Signora si sveglia e, dopo una manciata di secondi, scuote la traversa con una punizione di Del Piero deviata sulla traversa. E' il segnale della riscossa: infatti, al 28esimo arriva il goal. Lo firma Vincenzo Iaquinta che, di testa, concretizza un cross dell'attesissimo Giovinco.

Ora la Juve è scatenata e va rabbiosamente alla ricerca del pareggio, che sfiora in almeno due occasioni in rapida successione: quella più chiara vede Verenko respingere sui piedi di Alex la botta di Nedved, e il capitano bianconero calciare alto sulla traversa. Niente di fatto ma il pareggio è solo rimandato.

In pieno recupero, Giovinco serve Iaquinta sul filo del fuorigioco e l'attaccante ex-Udinese, conclude sotto le gambe del portiere bielorusso, firmando la sua personale doppietta: è 2-2 ad un sospiro dal fischio dell'arbitro. La ripresa si gioca a viso aperto, con i bianconeri che, memori di un primo tempo salvato in extremis ma complessivamente negativo, partono subito all'attacco.

Juve più incisiva ma il Bate non sta a guardare, consapevole che è la serata giusta per fare la storia. Infatti, sono proprio i padroni di casa a sfiorare il nuovo vantaggio prima con Nechiajchik e con Volodko poi, nel giro di due minuti.

In casa bianconera sono Del Piero e Nedved i più vicini a completare la rimonta. La gara è piacevole, spettacolare e finisce senza altri fuochi: un 2-2 che va bene alla Juve per come si era messa, ma che apre una serie di interrogativi a cui Ranieri dovrà dare risposta.

BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2
Bate Borisov (4-2-3-1): Veremko; Kazantsev, Rzhevski, Sosnovski, Yurevich; Volodko, Likhtarovich(25' st Sivakov); Nekhaychik(42' st Mirchev), Kryvets, Stasevich; Rodionov(47' st Pecha). All. Goncharenko (A disposizione: Gutor, Mirchev, Bliznyuk, Skavysh, Sakharov)
Juventus (4-4-2): Manninger; Grygera, Legrottaglie (19' pt Knezevic), Chiellini, De Ceglie; Giovinco, Sissoko, Camoranesi (1' st Marchisio), Nedved; Iaquinta (36' st Amauri), Del Piero. All. Ranieri (A disposizione: Chimenti, Salihamidzic, Molinaro, Marchionni)
Arbitro: Atkinson (Ing)
Marcatori: 17' pt Kryvets (B), 23' pt Stasevich (B), 29' e 48' pt Iaquinta (J)
Ammoniti: Nekhaychik (B), Grygera (J), Volodko (B), Kazantsev (B), Sissoko (J), Marchisio (J)

  • shares
  • Mail
38 commenti Aggiorna
Ordina: