Serie A, graduatoria diritti tv: Juventus in testa su Milan e Inter

La Gazzetta dello Sport ha pubblicato nell'edizione odierna un'anticipazione di quella che dovrebbe essere la spartizione dei diritti televisivi tra i 20 club di Serie A per la stagione in corso.

Il meccanismo di suddivisione deve essere ancora ratificato definitivamente dalla Lega ma sui criteri principali è stato già raggiunto un accordo. Considerato che, in base alla Legge Melandri il 40% del budget di base (809 milioni) va distribuito in parti uguali tra le parti coinvolte, per la quota restante si è deciso che un 30% andrà ai club in base al bacino di utenza, stabilito da ricerche sul tifo e dati Istat sulla popolazione residente mentre, per un ulteriore 30%, saranno decisivi i risultati sportivi conseguiti non solo nella stagione in corso ma anche nelle 5 precedenti.

Il premio da spartire quest'anno risulta altresì aumentato da 115 milioni di ricavi incrementali di cui 46 milioni andranno a confluire nella quota da dividere in parti uguali mentre altri 69 saranno appannaggio dei club che si piazzeranno tra le prime dieci del campionato con percentuali decrescenti dal 15% per le prime tre al 5% per nona e decima.

proventi-diritti-tv-serie-a.jpg

Incrociando i criteri suddetti con l'attuale classifica di Serie A, la Gazzetta ha stilato la seguente graduatoria sui ricavi televisivi tra le 20 squadre

Atalanta - 31.7 milioni
Bologna - 36.6
Carpi - 22
Chievo - 33.7
Empoli - 26.8
Fiorentina - 51.2
Frosinone - 22
Genoa - 36.2
Inter - 78.2
Juventus - 103.1
Lazio - 55.4
Milan - 80.3
Napoli - 69.7
Palermo - 34.1
Roma - 72.7
Sampdoria - 37.2
Sassuolo - 31.1
Torino - 41.3
Udinese - 33.5
Verona - 27.5

Juventus saldamente in testa grazie ai risultati sportivi e al bacino di tifosi notevole. Sul podio, Milan e Inter con leggera prevalenza rossonera grazie ai piazzamenti negli ultimi 5 campionati. Completano la top 5, la Roma e il Napoli che potrebbero aumentare la quota negli anni avvenire. Discreto bottino anche per le ultime classificate con il Palermo che precede Verona, Carpi e Frosinone, tutti club per i quali i diritti tv possono rappresentare un discreto paracadute finanziario in caso di probabile retrocessione in B.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail