Premier League: dottore rivela di aver dopato 150 giocatori

Mark Bonar fa tremare il calcio inglese: in un’intervista al Sunday Times, il dottore ha rivelato di aver dopato qualcosa come 150 atleti tesserati con Arsenal, Chelsea, Leicester e Birmingham. Accuse pesantissime alle quali i club tirati in ballo ha già replicato tramite i rispettivi comunicati stampa, ma qualora trovassero conferma, potrebbero scatenare un terremoto di grandi proporzioni in Premier League.

"Ho dopato giocatori di Arsenal, Chelsea, Leicester e Birmingham", la rivelazione di Bonar, che avrebbe anche puntualizzato che i club in oggetto, probabilmente non sono mai venuti a conoscenza del rapporto tra i loro tesserati e il medico. La replica dei club non si è fatta attendere: l’Arsenal per primo ha replicato alle accuse tramite una nota ufficiale pubblicata sul sito dei ‘Gunners’:

"L'Arsenal Football Club è estremamente deluso dalla pubblicazione di queste false affermazioni, prive di fondamento. Il Sunday Times sa che queste accuse sono prive di fondamento, ma ha preferito comunque pubblicarle. Il club prende molto seriamente la questione ed i nostri giocatori sono ben consapevoli di ciò che è previsto. Ci atteniamo rigorosamente a tutte le linee guida stabilite dalla World Anti-Doping Agency '.

Anche il Chelsea ha pubblicato una nota stampa per smentire qualsiasi coinvolgimento nella vicenda:

"Il club - dicono i ‘Blues’ - non ha mai usufruito dei servizi del Dr. Bonar e le pubblicazioni del Sunday Times sono totalmente prive di fondamento. Inoltre non siamo a conoscenza di nessun trattamento da parte sua ai nostri giocatori. Prendiamo molto seriamente la questione del doping nello sport e i nostri giocatori sono regolarmente e rigorosamente testati dalle autorità competenti".

Le rivelazioni del dottor Bonar hanno mosso anche il Segretario per la cultura, John Whittingdale, che ha preannunciato un’indagine per verificare la veridicità delle affermazioni che stanno scuotendo il calcio inglese.

premier league - doping

  • shares
  • +1
  • Mail