Maldini: "Non torno al Milan, troppa confusione"

Botta e risposta a distanza tra Paolo Maldini e Silvio Berlusconi. Nei giorni scorsi, il patron del Milan aveva chiuso al ritorno della bandiera in rossonero, affermando che ormai abbia interessi in America e non viva più a Milano. La replica di Maldini, uno che con il Milan e i suoi tifosi non si è lasciato certo nel migliore dei modi, non si è fatta attendere:

“All’interno del Milan in assoluto non tornerei - dice a Telelombardia - perché abbiamo delle visioni completamente opposte. E’ vero che ho un club, ma non ho ruoli all’interno della società”.

Paolo Maldini - Milan

Maldini è attualmente proprietario del Miami FC, squadra che milita nella “serie B” americana, ma non vive stabilmente negli Stati Uniti, quindi avrebbe la possibilità di lavorare per il club rossonero. Al momento, però, non ci sono le condizioni e sembra che l’unica possibilità di un ritorno del capitano sia rappresentata dall’uscita di scena appunto di Berlusconi e Galliani:

“Al Milan c’è un po’ di confusione - prosegue - . Il doppio ad non funziona. C’è mancanza di unità d’intenti tra il signor Galliani e Barbara Berlusconi. Manca un progetto e ci sono meno investimenti rispetto a una volta”.

Insomma, se da tre anni il Milan rimane fuori dalle coppe, non è altro che il frutto della confusione che impera nel club. Maldini, che ha vissuto gli anni d’oro della gestione Berlusconi, sottolinea poi che manchino all’interno della società uomini con competenze, in grado di supportare gli allenatori nelle loro scelte sportive. Non è un caso, infatti, che nelle ultime stagioni i tecnici del Milan siano stati fagocitati dai senatori dello spogliatoio:

“Leonardo, Allegri, Seedorf e Barbara Berlusconi mi hanno chiamato. Sono sempre andato ad ascoltarli, ma credo che la società non abbia visto in me una persona idonea. Galliani non è il problema. Il Milan è sotto strutturato per quello che riguarda l’aspetto sportivo. L’area tecnica è lacunosa. Chi mi ha chiamato voleva un supporto tecnico-tattico. Potrei cambiare il mio stile di vita per qualcosa di incredibilmente emozionante che potrebbe essere un’avventura nel calcio”, conclude.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail