Lazio-Milan 4-1, Montella: "Una sconfitta che fa male"

Sul prato dell'Olimpico è arrivata una sconfitta pesantissima per la squadra di Vincenzo Montella, soprattutto per come è maturata. Il Milan è ancora un cantiere aperto e questo pomeriggio ha messo in mostra tutti i propri limiti facendosi travolgere dall'organizzazione di una Lazio che in estate ha cambiato pochissimo, salutando al tempo stesso giocatori che sembravano fondamentali come l'ex capitano Lucas Biglia.

A fine partita Vincenzo Montella non si è nascosto, sottolineando le difficoltà della sua squadra: "È una brutta sconfitta, ci sono state tante cose negative sulle quali bisogna lavorare duramente. Un episodio a livello psicologico ha cambiato la gara, il calcio d’angolo dove la Lazio stava segnando. Da lì abbiamo perso coraggio e loro sono stati cinici. Dobbiamo ancora diventare squadra, tutti insieme ci siamo allenati poco ma so che non abbiamo tempo. Questo match ci ha detto che siamo indietro, la Lazio oggi ha dimostrato di essere più squadra di noi e di essere più avanti noi: dobbiamo fare di più sotto il profilo dell’atteggiamento e della personalità".

Le prestazioni del mese di agosto avevano illuso sia i tifosi che la critica. Per Montella, comunque, questa sconfitta potrà trasformarsi in un'occasione di crescita: "A livello generale la squadra sta ben, ma quando non ci sei con la testa perdi la convinzione e l’aspetto nervoso che ti fa correre di più, il problema è che la squadra oggi ha corso male. Ci sta che ci possano essere degli alti e bassi quando cambi tanto, il risultato è anche un po’ severo ma ci farà bene".

Montella ha infine difeso le sue scelte, così come la prestazione del neo capitano rossonero: "Quelle che ho fatto oggi per me erano le scelte migliori, Cutrone è più avanti rispetto a Kalinic e Andrè Silva, Bonaventura non era al top, così come Calhanoglu. La squadra deve conoscerci e lo farà giocando. Bonucci? Tutta la squadra ha dimostrato di non essere equilibrata e aggressiva. La squadra non mi è piaciuta ed è giusto che il giocatore con più personalità subisca qualche critica maggiore, ma questa cosa non lo toccherà, anzi avrà ancora più stimoli".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO