Milan (foto e video), parlano i nuovi arrivi. Higuain: "Una storia immensa". Caldara: "Darò tutto"

I due ringraziano la Juve, ma sono prontissimi per la loro nuova avventura in maglia rossonera.

Una presentazione in grande stile per Gonzalo Higuain e Mattia Caldara, nuovi arrivi in Casa Milan. Non solo nella sede di via Aldo Rossi, ma anche sulla Terrazza Giacomo Arengario, in Piazza Duomo, vale a dire nel cuore di Milano. I due giocatori sono già diventati #GH9 e #MC33 gli hashtag con i numeri di maglia che hanno scelto.

Higuain ha spiegato la sua scelta di accasarsi in rossonero:

"Al Chelsea mi voleva solo Maurizio Sarri, qui mi hanno fatto capire subito che mi volevano tutti. La dimensione del Milan la capisci quando entri al Milan. Quando sei dentro, capisci tante cose. Milanello, la sede, la sua gente, la storia. Quando sei dentro, ti viene la pelle d'oca, perché è una squadra che è conosciuta in tutto il mondo, se chiedi ad un bambino per che squadra vuole giocare, di sicuro ti risponde Milan. Arrivo in una squadra dalla storia immensa. Da 12 anni gioco in Europa e Milanello mi ha colpito, è quello che vuole ogni calciatore: storia, verde e calcio puro, fa venire la pelle d'oca. È un posto speciale"

Ovviamente non sono mancate le domande sulla Juventus e in particolare su Massimiliano Allegri e l'argentino ha risposto diplomaticamente:

"Allegri? È stato il mio allenatore per due anni, abbiamo avuto un po' le nostre divergenze, ma non è stato quello a portarmi al Milan. È stata la mia motivazione e la convinzione che ha dimostrato il Milan. Cosa non mi è piaciuto alla Juventus? Poche cose Ho vinto anche due scudetti, il rapporto con i tifosi e i compagni è stato meraviglioso. Poi, la società ha deciso che non avrei dovuto proseguire lì, ma la ringrazio perché mi ha fatto venire al Milan e sono molto contento"

Molto contento anche Mattia Caldara:

"Sono venuto qui perché quella del Milan è la storia di un grande club che ha vinto tutto. Qui sono passati molti dei difensori più forti degli ultimi anni e la scelta da questo punto di vista è stata facile. L'eredità è molto pesante, ma farò del mio meglio. La Juventus è stata la prima a credere in me perché mi ha comprato, vuol dire che ci credeva, e per questo la ringrazierò sempre. Ma per me ora inizia un'avventura nuova che mi dà tanta responsabilità e sto pensando solo a fare il bene del Milan"

Ma il più felice di tutti? Ovviamente Leonardo, "autore" di questi due colpi di mercato del nuovo Milan di Elliott:

"Noi non abbiamo cambiato linea, sappiamo i nostri paletti, ma questa operazione ci ha dato tanta energia. Ci porta a una dimensione importante e ci fa respirare un'aria ottimista, sarà una crescita graduale. Il Milan ha un fascino enorme, nella sua storia può anche avere momenti difficili, meno belli, ma il messaggio che dà oggi Higuain è che il Milan è la storia, le vittorie del Milan sono ricordate perché questo club ha nel suo Dna uno stile che rimane per sempre ed è quello che ha convinto un giocatore come Gonzalo a venire qui. Ora noi vogliamo tornare a vincere come prima"

Foto © AC Milan

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 83 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail