Brasile a fatica, Francia deludente, ok Corea


Il gruppo G e il gruppo F hanno ieri completato la prima giornata con tre partite dai ritmi diversi e con differenti spunti finali. In ogni modo gli amanti del calcio non hanno disdegnato lo spettacolo offerto dalle sei nazionali scese sul terreno di gioco, soprattutto la partita serale con i verdeoro all'esordio è stata tutt'altro che noiosa grazie e soprattutto alla spigliatezza della Croazia che avrebbe meritato un pareggio. In pomeriggio invece la Corea ha avuto la meglio del Togo, seppure a fatica, e un po' più tardi la Francia ha impattato contro la Svizzera.

Alle 15 a Francoforte si scontrano due nazionali che mai prima di ieri avevano avuto modo di scontrarsi e sebbene infarcite di giocatori con limiti tecnici evidenti, danno vita a una partita piacevole. I due tecnici stranieri Pfister, che ha rientrato le dimissioni, e Advocaat, quarto olandese in panchina di questi mondiali, non risparmiano i loro giocatori e così il ritmo diventa subito sostenuto. Il Togo tuttavia appare più spigliato e senza timori reverenziali passa in vantaggio con uno splendido fendente diagonale di Kader, un gol che galvanizza i togolesi. Il primo tempo si chiude con gli africani in vantaggio ma nella ripresa, dopo 8 minuti, le sorti del match cambiano: fallo dal limite di Abalo, doppio giallo per lui ed espulsione e da 20 metri non sbaglia Lee Chun Soo, complice anche la posizione di Agassa. I coreani allora ci credono di più e l'ex perugino Ahn pesca il gol della vittoria con un bel tiro che si insacca alla destra del portiere togolese: gli africani allora si riversano in avanti ma la stanchezza la fa da padrona e la Corea del Sud conquista i primi e preziosissimi 3 punti del Mondiale.

A Stoccarda la Francia non va oltre lo 0-0 con la coriacea Svizzera e per le due squadre è il terzo pareggio consecutivo nelle ultime tre sfide tra di loro. Senza Trezeguet e con fiducia illimitata a Ribery, Domenech si prende dei rischi che a fine gara sono miriadi di critiche, anche perché la Francia non segna ai Mondiali dal gol di Petit nella finale del 1998. I transalpini sono poco lucidi e la Svizzera si difende bene, andando pure vicina al gol con una punizione di Barnetta che sorprende Barthez; la Francia si affida solo a Henry che sullo scadere della prima frazione invoca il rigore per fallo di mano del compagno di squadra all'Arsenal Senderos. Ivanov lascia correre e si va tutti negli spogliatoi. Nella ripresa i galletti sono attesi a una reazione veemente, Trezeguet d'altra parte langue ancora in panchina; così la partita rimane sugli stessi binari con una sterile supremazia della Francia e i rossocrociati attenti e abili nelle ripartenze. Alla fine è 0-0, un risultato incolore per una partita in ogni modo deludente.

Brasile - Croazia è più di un dessert gustoso dopo i 180 minuti di calcio precedenti. Ci si aspetta molto dai carioca che presentano nella rosa giocatori dal valore assoluto; i croati d'altra parte rispondono con una squadra compatta e ordinata, con un'ottima propensione al sacrificio e con compiti svolti alla perfezione. Così il match risulta meno spettacolare del previsto e soprattutto il primo tempo delude, se non altro perché i pentacampeao non fanno molto per passare in vantaggio, così come i croati che pure sfiorano il gol con un mancato colpo di testa di Tudor. In ogni modo l'inerzia della partita cambia allorché Kaka da posizione centrale, poco fuori l'area, fa un tiro preciso piazzando la palla lì dove Pletikosa non può arrivare. Pare l'inizio di un'altra partita perché se la Croazia si fosse sbilanciata allora per gli uomini di Parreira ci sarebbe stato più di un pertugio per raddoppiare. Tuttavia Adriano continua a deludere, Ronaldo è fermo e il solo Ronaldinho si perde nei suoi dribbling; così la Croazia inizia a credere nel pareggio ma Prso è più di una volta impreciso o sfortunato, grazie anche a un Dida sempre sicuro. Alla fine la torcida brasiliana festeggia in silenzio mentre i croati, pur sconfitti, possono stare tranquilli: se questa squadra giocherà così contro australiani e giapponesi il passaggio del turno pare assicurato. E potrebbero proprio incontrare l'Italia...

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: