Marco Motta arriva alla Roma, Panucci ci resta controvoglia

La Roma piazza il secondo colpo in difesa in questa sessione invernale di calciomercato, dopo l'arrivo di Souleymane Diamoutene dal Lecce ecco Marco Motta, esterno difensivo fino ieri in forza all'Udinese. Motta arriva alla Roma con la formula del prestito con diritto di riscatto per la comproprietà a Giugno prossimo, il prezzo fissato per la metà del cartellino è di 3.5 mln di euro.

Il destino di Motta si incrocia nuovamente con la Roma, proprio contro i giallorossi il 9 gennaio 2005 esordiva a 18 anni in Serie A con la maglia dell'Atalanta, la squadra nella quale è cresciuto. Da lì in avanti il difensore conquistò un posto da titolare a Bergamo collezionando 19 presenze, le sue doti attirarono l'attenzione dell'Udinese che ne acquistò la metà inserendolo in rosa nelle successive due stagioni, stagioni condizionate da alcuni problemi fisici che ne hanno frenato la crescita.

L'arrivo di Marino, che evidentemente non ama particolarmente il giocatore, lo spinge nella stagione 2007/08 al Torino dove gioca per un anno in prestito, ma non viene riscattato. Quest'anno il tecnico bianconero l'ha utilizzato, pur nel ruolo di rincalzo per la difesa. La possibilità di andare alla Roma diventa così una grande chance per Motta che in questi mesi sarà un'altra alternativa per Spalletti impegnato a gestire l'emergenza difensiva determinata dall'infortunio di Cassetti e dallo scontro con Christian Panucci. Il difensore classe '86 è stato inserito, così come Diamoutene, nella Lista Uefa della Roma per la seconda fase della Champions League.

Ci sono però novità anche sul fronte Panucci: a meno di clamorose sorprese il terzino ex Real Madrid non riuscirà a trovare una squadra entro oggi, termine ultimo per la chiusura della finestra del calciomercato. L'agente Oscar Damiani ha confermato l'impossibilità di raggiungere un accordo soddisfacente con le varie squadre che avevano contattato il giocatore. Negli ultimissimi giorni si era parlato anche di una possibilità con il Toro del Presidente Cairo, ma a questo punto Panucci avrebbe preferito rimanere alla Roma, la società da parte sua ha tolto il suo nome all'interno della già citata Lista Uefa.

Rimanerci, ovviamente, da "separato in casa" fino al prossimo giugno quando il suo contratto scadrà e sarà libero di trovare un'altra società che lo ingaggi. Gli arrivi contemporanei di Diamoutene e Motta sono infatti la conferma che la Roma ha operato con l'intento di sostituirlo per poter fare a meno di lui fino al termine della stagione.

  • shares
  • Mail