L'Atletico Madrid esonera il tecnico Aguirre


Ieri l'Atletico Madrid ha annunciato l'esonero del suo allenatore messicano Javier Aguirre, reo di non vincere da 6 partite e sconfitto, nell'ultimo turno della Liga, al Vicente Calderon dal Valladolid per 1-2. Non è bastata una stagione, quella scorsa, più che buona con tanto di piazzamento in Champions, tanto meno l'ottimo avvio in questo campionato con qualificazione agli ottavi di Champions (dove l'Atletico affronterà il Porto): la dirigenza dei Colchoneros non digerisce l'attuale settimo posto a 5 punti dal quarto, occupato per il momento dal Valencia.

Arrivato nella capitale spagnola del 2006, l'ex "bandiera" dell'Osasuna (e già selezionatore del Messico ai mondiali del 2002) ha comunque lasciato un buon ricordo tra i tifosi biancorossi. "Sono il primo a capire che il problema sono io e me ne vado senza rancore, anzi faccio il mio in bocca al lupo ad Abel" ha detto saggiamente l'allenatore esonerato, che ha fatto posto a una ben gradita conoscenza dell'Atletico Madrid, cioè Abel Resino.

Ex portiere ora 49enne (a proposito ha compiuto gli anni proprio ieri e come regalo di compleanno ha ricevuto l'ambito incarico), attualmente allenava il Castellon (seconda divisione) ma in passato ha difeso i pali dei Colchoneros (negli anni 90) facendosi molto apprezzare; probabilmente sarà un traghettatore fino a giugno, anche se non è escluso che se faccia bene il presidente Cerezo potrà confermarlo anche per la prossima stagione. Certo è che Aguero e compagni dovranno darsi da fare per uscire dalla crisi e riportare l'Atletico Madrid più su in classifica. Senza dimenticare il prestigioso impegno europeo fra 3 settimane.

  • shares
  • Mail