Caos in casa Real, Huntelaar medita l'addio


I tifosi del Real Madrid sperano che questa stagione finisca quanto prima, sapendo già che verrà ricordata come una delle peggiori di sempre. Si potrà obbiettare che i blancos sono secondi in classifica, che sabato, battendo il Santander, hanno centrato la loro settima vittoria consecutiva in campionato. Ma tutti nella capitale spagnola sanno che queste sono sciocchezze in confronto al vuoto che li separa dagli odiati rivali del Barça. Come se non bastasse con il nuovo anno sono arrivate le dimissioni di Calderon a rendere il clima sempre più teso.

Tutto questo nervosismo sta facendo perdere la testa un po' a tutti, dalla società ai giocatori. Chi in questi giorni è particolarmente arrabbiato è l'olandese Huntelaar. L'attaccante è stato acquistato con gran clamore a dicembre ma le sue prestazioni, per altro fugaci, non sono state convincenti, tanto da fargli rimpiangere i bei tempi all'Ajax. La goccia che ha fatto traboccare il vaso però è stata l'esclusione dalla lista per la Champions League. Il motivo è presto spiegato: il Real ha acquistato a stagione in corso oltre a lui anche Lassana Diarra dal Portsmouth, le leggi Uefa impongono che soltanto un giocatore che ha già disputato la Coppa Uefa nella stagione in corso può essere messo nella lista e la scelta è caduta sul francese.

L'olandese ha minacciato di voler andare via, anche se poi pare abbia ritrattato giurando amore eterno alla camiseta blanca. Chi invece andrà via di sicuro e in tempi brevi, almeno secondo la stampa spagnola, è Pedja Mijatovic. Il montenegrino era un uomo di Calderon, di conseguenza le sue dimissioni hanno messo in grave pericolo la posizione del fidato direttore generale. Il suo contratto scade fra un anno, ma tutti sono pronti a scommettere in un addio anticipato, roba di giorni se non di ore. A rafforzare questa ipotesi ci sarebbe anche la strana vicenda dell'acquisto del francese Faubert: Mijatovic è stato avvisato da un amico e non è mai stato al corrente dell'operazione.

Come si può ben vedere quindi anche una stagione in cui il Real sta disputando una dignitosissima Liga, offuscata solo da un Barcellona stellare, può trasformarsi in un vero e proprio calvario. La data che tutti aspettano con ansia è quella del 29 marzo in cui l'assemblea dei soci comunicherà quando si svolgeranno le prossime elezioni. Si parla del prossimo luglio e tutti a Madrid non vedono l'ora che arrivi l'estate.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: