Ultimatum dei Galaxy al Milan: 24 ore di tempo per decidere il destino di Beckham


Entro 24 ore si conoscerà il futuro di Beckham, sapremo se continuerà a vestire la maglia del Milan o se tornerà a Los Angeles il 9 marzo. I Galaxy hanno fatto pervenire un ultimatum ai rossoneri che hanno di tempo fino a domani per portare a conclusione la trattativa, se non si raggiungerà un accordo dovrà essere rispettato quello vecchio. In pratica il prestito di Beckham scadrà l'8 marzo, dopodiché lo Spice Boy dovrà tornare negli Stati Uniti per cominciare la preparazione con la sua squadra.

La fretta di porre la parola fine a questa vicenda non viene tanto dai Galaxy quanto dalla lega americana, il presidente della MLS, Don Garber, ha infatti indicato venerdì 13 febbraio come limite ultimo: "Non c'è nessun motivo per tirare le cose in lungo, questo venerdì abbiamo bisogno di sapere se vogliono o no comprare David Beckham. È assolutamente imperativo che portiamo a conclusione questa faccenda entro questo venerdì, 13 febbraio, in modo che possiamo procedere alla definizione dei piani per la stagione 2009 della MLS".

La missiva è stata recapitata a Tim Leiweke, presidente del gruppo Aeg proprietario dei Galaxy. Non c'è nessun interesse nell'ostacolare il trasferimento del giocatore al Milan, l'unica cosa che conta è arrivare ad una conclusione a breve poiché vi è la necessità di sapere se l'inglese ci sarà o meno. Beckham non è soltanto un giocatore importante per i Galaxy, è un simbolo per tutto il calcio americano che grazie alla sua sola presenza riesce ad ottenere introiti maggiori dalla pubblicità e dalle emittenti televisive. È chiaro che se lo Spice Boy non dovesse ritornare ci saranno da rivedere alcune cose, addirittura si parla di squadre che non si iscriverebbero poiché i benefici economici non sarebbero tali da far rientrare le spese.

Il Milan dovrà quindi sborsare una cifra che tenga conto di questi aspetti, la somma versata dai rossoneri dovrà compensare le perdite a cui andranno incontro tanto i Galaxy quanto la MLS. Per il momento Galliani ha presentato un'offerta che è stata subito rispedita al mittente poiché ritenuta inadeguata, si vedrà se in Via Turati riterranno opportuno rilanciare. Intanto Bruce Arena, tecnico dei Galaxy, ha fatto sapere che la perdita di Beckham non sarebbe certo un dramma, a calcio si gioca in undici e la sua squadra riuscirà comunque ad essere competitiva per la prossima stagione.

A questo punto la decisione spetta alla dirigenza milanista, sarà lei a valutare se vorrà investire o meno su David Beckham. L'inglese intanto si gode il suo momento d'oro, ieri sera entrando in campo nel secondo tempo di Spagna - Inghilterra ha eguagliato il record di presenze in nazionale di Bobby Moore (108) e adesso punta dritto a quello assoluto detenuto dal portiere Peter Shilton a quota 125.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: