Torneo di Viareggio: Inter avanti facile, Toro col fiatone, ok Juve e Samp


E' un torneo di Viareggio che entra decisamente nel vivo, dopo che ieri si sono svolti le quattro partite del terz'ultimo turno: tre vittorie nei 90 minuti e una ai rigori, vari i protagonisti e le storie, ma soprattutto sono venute fuori due semifinali dense di significato. Domani, entrambe alle ore 15, si giocheranno Juve - Torino (a Quarrata) e Inter - Samp (a Viareggio): la prima è un derby tra due formazioni decisamente in forma, coi granata che tenteranno di vendicarsi dopo le ultime batoste patite in campionato; la seconda è una sfida che mette di fronte due undici che negli ultimi anni si sono dati battaglia, protagonisti delle ultime due finali del Campionato Primavera.

Contro il Siena, la Juve aveva da vendicare lo 0-1 subito in Toscana alla vigilia di Natale. Larrondo, attaccante argentina dei senesi, quando vede Juve si sveglia e come due mesi prima infila Pinsoglio; poi però il collega avversario Ivanov decide di dare una mano alla Vecchia Signora e ne approfitta Daud che lo infila due volte. Marrone arrotonda il punteggio, inutile il gol allo scadere di Giannetti: va avanti la squadra di Maddaloni, ma la Primavera del Siena può definirsi una bella realtà giovanile.

Il Toro, prossimo avversario dei bianconeri, ringrazia invece Pascarella che chiude la propria porta durante i calci di rigore finali e manda a casa la Reggina allenata da Roberto Breda; 1-1 nei 90 minuti con reti di Iannazzo per i calabresi e pareggio di Avanzi, ancora avanti gli amaranto nel secondo tempo supplementare con un rigore realizzato ancora da Iannazzo e di nuovo parità per opera di un altro rigore messo a segno da D'Onofrio. Dagli undici metri è disastro Reggina: segna solo Lamenza, Pascarella (subentrato nel finale per l'espulsione di Gomis) para su Adejo e Viola e regala la prestigiosa semifinale a Sciena e ai suoi ragazzi.

Facile compito per l'Inter che supera senza patemi l'ultima compagine straniera rimasta in lizza: il Maccabi Haifa, formazione israeliana che aveva eliminato la Fiorentina ai rigori, è poca cosa in confronto agli scatenati nerazzurri. Bocalon e Napoli portano sul 2-0 l'Inter già nel primo tempo, Beretta arrotonda il punteggio nella ripresa, Daminuta colpisce la traversa su punizione a pochi minuti dalla fine; vince e convince la squadra di Esposito che si candida seriamente per la vittoria finale.

Ma sulla sua strada troverà un'interessantissima Sampdoria, per una sfida che anticiperà la semifinale di Coppa Italia tra le due prime squadre. I blucerchiati hanno vinto per 3-1 contro il mai domo Palermo, sconfitto ma con onore: grande il portiere Fiorillo per i liguri e ottimo Ferrari autore di una doppietta; Marilungo ha portato addirittura a 3 le reti di vantaggio per la Samp, Giovio dagli undici metri ha accorciato le distanze. Poi l'assedio, inutile, dei siciliani.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: