Inter - Manchester United 0-0: inglesi spavaldi, ai nerazzurri manca il "colpo", si decide tutto all'Old Trafford


Si attendeva una grande partita a San Siro e grande partita è stata. A dispetto dello 0 a 0 Inter e Manchester regalano uno spettacolo che vale il prezzo il biglietto, una gara di grande intensità dominata dagli inglesi nel primo tempo con i nerazzurri che sembrano impotenti, ma che dopo aver ringraziato il solito straordinario Julio Cesar si riprendono il pallino del gioco nei primi 20 della ripresa dimostrando di poter far male ai red devils. (Foto - Video)

Mourinho sceglie a sorpresa Rivas al centro della difesa al posto dell'annunciato Cordoba, che entrerà all'inizio della ripresa, Sir Alex Ferguson risponde rivoluzionando la squadra che i tecnici pronosticavano alla vigilia: fuori Scholes e Wayne Rooney, dentro Berbatov e il coreano Park. Il Manchester si prepara ad aspettare la partenza interista per poter ripartire compatto, ma si ritrova a fare la partita perchè supera in qualità ed aggressività i padroni di casa, spauriti come non ci si poteva immaginare.

Park spinge all'indietro Maicon che lascia la propria metà campo con meno tranquillità del solito, rimanendo fra i più positivi dei suoi anche nel primo tempo. Ad ogni modo la "partita" dei due tecnici, vecchi rivali in Premier, la vince il baronetto scozzese, Mourinho dovrà rifarsi al ritorno. Con gli esterni bloccati e Muntari che fa più confusione che altro il Manchester schiaccia l'Inter nella sua metà campo, a far esaltare i suoi tifosi ci pensa il sorprendente Santon. Il ragazzino è abilissimo nel contenere Cristiano Ronaldo, ma il Pallone d'Oro sa trovarsi i suoi spazi svariando su tutto il fronte e costringendo Julio Cesar ad interventi fuori dall'ordinario per evitare il vantaggio inglese.

Il vecchio leone Giggs gioca bene e arriva ad un passo dal trafiggere i nerazzurri, ma Julio Cesar arriva anche lì buttandosi a corpo morto. Il fischio di Medina Cantalejo dopo i 46 minuti del primo tempo è una liberazione per San Siro.

Mourinho, come detto, capisce l'errore e piazza Cordoba al suo posto togliendo l'incerto Rivas, l'ex River Plate non ha colpe, piuttosto è la scelta di schierarlo titolare in una partita del genere a lasciare perplessi. Complice l'inevitabile calo del Manchester l'innesto del centrale colombiano regala maggiore serenità alla difesa interista.

I nerazzurri sanno che per prevalere bisogna metterci il fisico, il cuore e la generosità. Qualità che non mancano nella ripresa con Ibra ancora in cerca del colpo "europeo" che non arriverà. Lo svedese diventa comunque un fattore nella gara e, seppur sia scarsa la sua incisività, la continuità con cui viene cercato dai compagni testimonia la fiducia del gruppo sul suo fuoriclasse.

Aldilà di un paio di mischie in area, con Adriano che chiede il rigore per una trattenuta, l'Inter non è comunque in grado di impensierire Van Der Sar, l'unico vero brivido per l'estremo difensore di Ferguson arriva su calcio d'angolo: torre sporca di Ibra, Cambiasso non riesce a fare meglio di colpire con il petto favorendo la facile presa del portierone olandese.

Il Manchester punta sul contropiede, lascia sfogare i padroni di casa per riaffacciarsi nuovamente in avanti nell'ultima mezzora. Santon si disimpegna ancora bene su Cristiano Ronaldo, ma il suo cross rasoterra che attraversa tutta l'area piccola di Julio Cesar viene scaraventato in angolo da Zanetti. Ferguson inserisce Rooney, forse un po' tardi, ma il centravanti della nazionale di Capello crea comunque lo scompiglio nella difesa interista e Julio Cesar è costretto ad un'uscita con i piedi per chiudere la strada della porta.

I tre minuti di recupero si chiudono con una punizione violenta ma centrale di Ronaldo sulla quale Julio Cesar non è perfetto, pur riuscendo a preservare la sua rete. Finisce così, la parola passa all'Old Trafford.

Il Tabellino:

INTER-MANCHESTER UTD 0-0
INTER (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Rivas (dal 1’ s.t. Cordoba), Chivu, Santon; Zanetti, Cambiasso, Muntari (dal 21’ s.t. Cruz); Stankovic; Adriano (dal 21’ s.t. Balotelli), Ibrahimovic. (Toldo, Maxwell, Burdisso, Figo). All. Mourinho.
MANCHESTER UTD (4-2-3-1): Van der Sar; O’Shea, Evans, Ferdinand, Evra; Fletcher, Carrick; C. Ronaldo, Giggs, Park (dal 38’ s.t. Rooney); Berbatov. (Foster, Fabio, Gibson, Nani, Scholes, Tevez). All. Ferguson.
ARBITRO: Medina Cantalejo (Spa) (assistenti Galdamuro-F. Miranda).
NOTE: stadio esaurito, 80mila spettatori, incasso superiore ai 3,5 milioni di euro; ammoniti Toldo (I), in panchina, per proteste, Chivu (I), Maicon (I), Fletcher (M), Rooney (M) per gioco scorretto; angoli 3-6; recuperi: 1’ p.t. 3' s.t.


La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0

La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0

La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0
La Galleria Fotografica di Inter - Manchester United 0-0

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: