Gattuso: "Amauri? Che giochi con il Brasile..." Amauri: "Non me ne frega nulla di ciò che dice Gattuso"


Gennaro Gattuso non gradirebbe una convocazione di Amauri nella nazionale italiana. E' questo il pensiero di ringhio, fuori dal calcio giocato dopo l'infortunio al ginocchio del 7 dicembre patito contro il Catania (previsti altri tre mesi di convalescenza, Gattuso è stato operato con successo ad Anversa il 15 dicembre). Dai microfoni di Sky è duro ma chiaro il giudizio di Gattuso sulla vicenda Amauri:

"Il campione non si discute, ma ha gestito male la vicenda. Prima aspetta il Brasile... ma noi non siamo l'Azerbaigian o la Finlandia, noi siamo l'Italia, abbiamo vinto quattro Mondiali e il nostro calcio non ha nulla da invidiare a nessuno. Penso sia giusto che giochi con il Brasile".

Il centrocampista rossonero parla di fallimento in caso di mancato ingresso in Champions League per il Milan: "Non arrivare in Champions League e magari non vincere nemmeno la Coppa Uefa sarebbe davvero un fallimento". E difende il suo compagno di squadra, Clarence Seedorf, ultimamente un po' beccato dal pubblico milanista: "I fischi a Seedorf? Sono prevenuti. E sentire un compagno che viene fischiato alla prima palla che sbaglia è un po' duro...".

La risposta di Amauri non si è fatta attendere. Il brasiliano, intervistato al termine di Chelsea-Juventus, ha restituito al mittente la "ramanzina" di Gattuso con un perentorio "Non me ne frega nulla di quello che dice Gattuso''.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: