Corinthians arrabbiato: maxi-multa per Ronaldo


Sembra che il rapporto tra il “Fenomeno” e il principale club di San Paolo stia subendo qualche scricchiolio a causa di alcune turbolenze che ne stanno minando i rapporti. Ronaldo, a causa di una notte brava, riceverà una maxi-multa su esplicita richiesta del presidente del Corinthians Andres Sanchez. Nella sera del 26 Febbraio, l'ex interista dopo aver cenato con i compagni di squadra si è allontanato improvvisamente dall'hotel di Presidente Prudente, dove la squadra è attualmente in ritiro precampionato, per poi ripresentarsi alle 5 del mattino. A seguito di questo episodio il campione brasiliano non ha preso parte agli allenamenti e si è limitato ad un lavoro di fisioterapia. E' la seconda volta in un mese che il calciatore si concede una “scappatella” e pare che la pazienza del tecnico Mano Menezes e della dirigenza sia al limite (video del suo allenamento "adagio").

L'arrivo di Ronaldo presso i corinzi aveva suscitato grandi entusiasmi e qualche polemica per svariate ragioni. Il “Fenomeno” ha indiscutibilmente una grande storia calcistica ed una grande attrattiva mediatica,specie in Brasile, ma le sue precarie condizioni fisiche a seguito della rottura del tendine rotuleo del 13 Febbraio 2008, quando ancora vestiva la maglia del Milan, il conseguente periodo di inattività agonistica e i suoi 32 anni ponevano alcuni dubbi sulla fattibilità di una sua “rinascita” in campo. A tutto ciò si dovrebbe aggiungere che, Luis Nazario de Lima, nel suo periodo riabilitativo post-intervento chirurgico, quando era senza contratto e abbattuto, si era rifugiato nelle amorevoli braccia del Flamengo, club carioca di cui si è da sempre professato tifoso, che non ha gradito il suo successivo accasarsi al Corinthians in virtù di un ingaggio lucroso.

Dal 9 dicembre 2008, giorno in cui, Fabiano Farah, procuratore del brasiliano, ha annunciato l'accordo col club di San Paolo, le cose appaiono cambiate. Lontane appaiono le dichiarazioni del presidente, Andres Sanchez, colme di stima e affetto per il campione, sicuro che egli avrebbe contribuito alla rinascita della squadra, fresca fresca di ritorno nella prima serie brasiliana, dopo un anno in seconda serie, pur conscio di un sacrificio economico abbastanza oneroso per le casse societarie. A queste affermazioni s'era subito allineato l'allenatore Corinthians che si diceva certo del completo recupero atletico di Ronaldo e della sua importanza per la squadra. La palla poi era passata allo stesso giocatore che s'era detto determinato e felicissimo della nuova avventura. Attualmente, una cosa sola è certa: Ronnie è ancor più felice se ogni tanto si può concedere qualche seratina rilassante.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: