Collina in tackle su Rizzoli: fermato dopo Inter - Roma


Il designatore unico ha deciso: l'arbitro Rizzoli di Bologna, protagonista della decisione di concedere calcio di rigore per fallo di Motta su Balotelli in Inter - Roma di ieri sera sarà "fermato". Una o due settimane di pausa, poi nuova partenza passando dalla Serie B. Passerà del tempo prima che il fischietto bolognese possa tornare a dirigere un big match come quello di San Siro.

Per Pierluigi Collina il rigore non c'era e il fischio di Rizzoli è ancora più grave perchè frutto di un'interpretazione errata dell'azione, non di un inganno di Balotelli che per quanto "si lasci andare" non rischia di essere squalificato dalla prova tv del giudice Tosel. Il rapporto fra Rizzoli e la Roma, come ricorda Fulvio Bianchi su Repubblica, era macchiato da un precedente che risale allo scorso anno.

Durante Udinese - Roma (qui le foto) l'arbitro di Bologna non mostrò il cartellino rosso a Francesco Totti nonostante il capitano giallorosso lo avesse platealmente mandato a quel paese. La sua evidente pavidità nel punire Totti gli costò anche lì una mini sospensione e una reprimenda dal designatore Collina, un caso ancora non chiuso visto che lo stesso Rizzoli ha dichiarato di non aver ancora ricevuto le scuse di Totti per quell'episodio. Evidentemente si riferisce alle scuse "personali", perchè pubblicamente Totti si scusò già un paio di giorni dopo.

In una tifoseria come quella giallorossa, che spesso cade nel vizio di dare sfogo a vittimismi e dietrologie, la circostanza basta per fare "1+1" e concludere che Rizzoli doveva far scontare qualcosa alla Roma.

  • shares
  • +1
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: