La Juve risponde a Mourinho con una nota ufficiale


Le parole di Mourinho hanno scosso dal profondo il mondo del calcio italiano, subito sono seguite le reazioni da più parti e sicuramente altre ne arriveranno nei prossimi giorni. Ovviamente non potevano mancare i commenti dalla sponda bianconera, il primo a intervenire sulla delicata questione è stato il presidente bianconero. Giovanni Cobolli Gigli ha optato per la strada della moderazione cercando di non gettare altra benzina sul fuoco. Gli errori degli arbitri nel calcio non sempre sono evitabili, non senza andare a rivedere le regole, per questo sarebbe utile provare ad aiutare i direttori di gara, questo il succo del suo pensiero.

Ha poi ricordato ai nerazzurri che tutto sommato non è che abbiano tanto di che lamentarsi: "Gli errori arbitrali vanno a volte a favore e a volte a sfavore di una società. Però io non credo che ci sia assolutamente nessun tipo di volontà. Certo l'Inter probabilmente non è stata una delle più penalizzate. È la storia che dice che l'Inter non ha più rigori contro da un anno". All'atteggiamento quasi conciliante del presidente, fermato dai giornalisti all'uscita della riunione di Lega tenutasi a Milano, non è seguita una reazione altrettanto pacata da parte della società. Nel tardo pomeriggio è infatti apparso un comunicato sulle pagine del sito ufficiale della Juventus.

Nella nota si legge quanto segue:


"Dopo aver letto con attenzione le gravi dichiarazioni rilasciate dall’allenatore dell’Inter, la Juventus manifesta stupore e sdegno e chiede all’Inter di dissociarsi pubblicamente da tali esternazioni. Con le sue dichiarazioni, l’allenatore dell’Inter ha mancato di rispetto non solo alla Juventus e ai suoi 14 milioni di tifosi, ma a tutto il calcio italiano. Piuttosto che alimentare una pericolosa cultura del sospetto, i rappresentanti delle società hanno il dovere di dimostrare educazione e senso di responsabilità – prima, durante e dopo le partite – per sostenere l’evoluzione del calcio italiano e della sua immagine internazionale".

I toni dello scontro si alzano e nei prossimi giorni il clima potrebbe anche surriscaldarsi ulteriormente tanta è la carne messa al fuoco. Speriamo solo che tutte queste parole non vadano poi a danneggiare la prossima giornata di campionato. Allenatori e presidenti possono azzuffarsi quanto vogliono, speriamo che i campi sappiano mettere a tacere le polemiche.

  • shares
  • +1
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: